Il compito degli uomini di cultura è più che mai oggi quello di seminare dei dubbi, non già di raccogliere certezze, Norberto Bobbio

Pagine

A volte artorn'no... Elena, Giulietta, Renato, 'l Vaticano, 'l Bruco Mela, modi de dì, sesso col cane, i ricchi de Prato

Condividi
Ce semo lascièti do settimane fa e de cose ne son successe n’infinità. A parte i 50 anni de Riccini senior ‘l giorno de l’arcordanza de la festa del babbo (c’er aanche ‘n’ovo de Pasqua e un navigatore pe’l amcchina ‘n’ti reghèli), c’ènno anche le foto, ‘l sabato doppo so gito con Lorenzo a Roma a pija Elena a l’aeroporto. Me so svejato tanto presto, ma tra ‘n cappuccino e ‘l pranzo da Spizzico ‘ntla autostrada tutto sommato ‘nnè stato malaccio. Ma c’ea ‘ntraffico da fè ride? Erno i giorni de Pasqua e le machine ce n’eron tante. Almeno elena mà arrtéto ‘l libbro de foto ch’evo fatto ‘n Cina!
A Pasqua, doppo la colazione perugina ‘ncl’ovo, la torta de pasqua e ‘lvino benedetti, emo pranzèto a Migiana ‘nchi parenti, comprenso ‘l mi zi’ Faustolo; e ‘nvece ‘l lunedì de Pasquetta so gito da le amiche de la Giola a la Magione.

Mercoledì m’er toccat alzamme presto c’artornava Giulietta, sempre a Fiumicino: tornà con Elena gniè giva bene perché spendeva 190 euri ‘n più pel bijetto. ‘N compenso l’occasione è stata bona per gi dal Papa al Vaticano, che m’è sembrato noioso, anche se ‘l so che c’è tanta gente che je piace. Eron tanto grandi quele colonne del Bernini, ma ‘n me piaciuto cussì tanto, nemmeno a gì a vedè le guardie del papa. Sarà stèta la fila, ‘l posto con tanta gente, anche per gì a vede la Cappella papalina, o il fatto che ‘nnen visto né i Musei Vaticani, né i Giardini, ma mè sembrato tutto fèrmo. Per fortuna che c’eron le Poste Vaticane, e i gelati. Pu, me sembra che Giulietta ha fatto la dieta.

La sera sen giti al mega-concerto de la Nannini al Palazzetto de Perugia, è stata divertente… m’è piaciuto, e pu quand’è gratis se fa tutto. ‘L bijietto me l’eva paghèto Gianluca, uno de quilli che vende ‘l vino che fa la Nannini.

E giovedì a Perugia c’è ‘rnuto Renato, a le 6.30, e so gito a pijallo a la stazione. Da Torinio è nuto a pija il diploma de italiano a la Stranieri. É nuto giù con Luca, ‘l su cugino cinese che studia a Milano, e Giorgio, ‘l su migliore amico che studia a Bologna, e grande appassionato de soldi. Tutti quanti dtusiano economia. Doppo la matinèta ‘n centro, emo pranzèto a chèsa mia, ‘l mi cane Frizzi s’è ‘nnamorèto de Renato; ‘nvece, ‘l pomeriggio ‘n Questura è stèto noioso, ma ce semo arfatti la sera ‘ntol ristorante tipico perugino Dal mi’ cocco, noialtri quattro, l’Cisky, Elena e Giulietta, dopo avè presetntato da tutti i mi ospiti.

Loro tre hon dormito a chèsa mia la notte, e la matina Luca e Giorgio enno arpartiti, anche si ‘nn’onno rinuncièto ta ‘n giro tal bruco mela locale, ‘l Minimetrò, che a parte ‘l grigio del su camino e ‘l rosso de le su rotee, devo di che me pièce.
Doppo, ta me e ta Renato c’è acarezzeta l’idea de gi a megnè al Mecdonald’s, pu’ pomeriggio ‘n banca, pu’ en visto ‘na lezione de italiano a la stranieri piena de cinesi… da spisciasse da le risate! E per cena ‘n’altra volta ‘nsieme, ‘l Cisky e gli altri, al ristorante cinese, tanto per cambià, de via Cortonese, l’Imperièle. La notte discoteca, Lido Villag a Ponte San Giuanni, ‘na serata ch’era mejo si erme stati a chèsa: ‘na musica da fe schifo, e soprattutto senza divertisse e senza gente.

Fortuna che ‘l giorno doppo ce semo svejati col succulento pranzo de la Giola, che Renato ha magnèto come ‘n porco. Gl’ho fatto conosce Ilario, quel vecchio de ‘l mi’ nonno de 80 anni, che je parlava co’ ‘n dialetto perugino che n’ te dico (pensa quanto poteva capì Renato…). Je parlava del perché l’esse uguali tra ‘n’omo e ‘na donna aveva rovinato l’Italia, e de come tutto ‘l mondo ‘n dua stemo fosse in mano a ‘n papaccio, che c’ha tutti i poteri possibili, anche quillo de scatenà la rivolta dei tibetani ‘n Cina. Bè, anche quista è saggezza.
Pe’ la sera emo raggiunto casa del Cisky, per gì a cena al Joyce a magnè ‘n amburgher, anche co’ ‘n po’ de la compagnia teatrale de la Caro (con Davide e Michele), per pu’ giochè a Hotel (loro) e dormì (io) sempre t’lì.
‘Ntanto cresce quil che sa fè Renato ‘n chi proverbi e i modi de dì, che oltre a sempre quillo (“Parlamo del più e del meno”, che detto da ‘n cinese fa morì dal ridè), ha ‘mpareto “So pieno come ‘n’ovo” (quand’ha magnèto troppo), “Magna la merda”, “Non mette troppa carne sul fuoco”, e, su consiglio del Bruni “Se dà ‘na botta anche tal pesco”.
‘Nfatti anche ‘l Bruni è passèto a trovacce a casa del Cisky, forse ‘n po’ sbronzo, la notte, ma è stato ‘n vero piacere, bei ricordi, oltre che ‘n brindisi col novo tè verde cinese de Lorenzo.

Sen tornèti a chèsa a le 3.30, la sveja per me e per Renato era a le 6.00, per gi’ a Prato, ‘na colonia cinese la più grande d’Italia, ‘n special modo pe’ i vestiti. ‘L treno c’era a le 6.40e erme ‘tli a le 8.40; c’è ‘nuta a pija la Valentina, ‘na cinese de 18 anni, che parlava ‘n italiano che era n’amore, e che c’ha ‘na ditta de vestiti e guadagna ‘n mucchio de soldi, come tutti da quele parti.
Doppo ‘n giro al centro de Prato, ‘nda c’era anche da magnè gratis perché c’erano gli omini che correvano, sen giti dentro la vera città: ‘l quartere di cinesi, ‘ngua en veramente tutti tutti ‘nch’i occhi a mandla, anche i acrtelli e i negozi. ‘Na pappina de gente ricca e povera.
En fatto quattro chiacchiere a casa de Valentina (Li Què ‘n cinese), sen giti a pranzo ‘n chi soldi de lìa a mangiare ‘na cosa tipica cinese to ‘n ristorante da quele parti; era ‘n piatto tipico de Sciangai, e te devi coce ‘l da magnè da te, ‘nt’na pentola d’acqua condita missa sopra ‘n fornello che c’è ta ogni tavlo.
Comunque i cinesi de Prato ‘n’enno de Sciangai, ma quilli che ce n’enno de più vengon’ tutti da Uengiou, da duà i cinesi enno emigrati tutti tuquì ‘ntol bel paese.
Dopo pranzo n visto la fabbrica de vestiti de la Valentina: è uguale a ‘n mucchio de altre ‘ntla zona, ‘n capannone pe’ lo spaccio, ‘ndua i grossisti vendon la lor roba. La fabbrica è ‘n capannone, lavorè c’è da lavorè, ma i soldignè mancno: tlì le machine ‘en tutte Audi, BMV, Mercedes.
La Valentina è forte, e anche cocchina, e pu’ fa morì dal ride. Gne piace la su’ situazione, ricca, ma i su’ parenti ‘n la lasciano studiè e divertisse, deve solo lavorè, pijasse le responsabilità; e lia a 18 anni ‘n c’ha voglia, e pe’ la su’ età la capisco. Ha e po’ stè solo ‘n cla su famija. Comunque, è a la mano, ha fatto la scola de moda ma nun l’ha finita (‘n s’è nemmeno diplomata), ha studièto 6 mesi de lingua italiana a Perugia. e ‘nti modi de fè, è senz’altro ‘n italiana. E ‘lbello è che ‘l su babbo e la su mamma en partiti da zero e in 7 anni hon tireto su tutto quil che c’honno oggi.
Se da ‘l dgir ti soldi. Prato è quilla de oggi, colonia de cinesi, solo dal 2005: prima i cinesi c’erno ma c’evon solo i negozietti, e comunque sia ‘nn eron cussì tanti. Oggi c’hon la metà de la città e enno sfondi de soldi, li son risparmià, sono trovè i dipendenti che ‘n costno ‘n cazzo, ‘n pagon per niente le tasse, son trovè i giusti contatti ‘n giro pel mondo. E penson sol ta quisto, solo a fè i soldi. ‘Nti sti 3 anni, l’affitto de ‘n capannone è passèto da 2 mila a 7 mila euri.

Lascièta Valentina, che col babbo (che ‘n parlèva ‘na parola de italièno) c’ha arcompagnèto a la stazione, Renato è argito a Torino co’ ‘na fermèta per Milano, e io a Perugia passèndo per Firenze.

uovi Video su Iutub!
a Perugia:
- cinesi ‘ntol minimetrò
- Renato che fa l'amore col mi cane
- Masticchèmela

a Prato:
- parlamo del più e del meno e so pieno come ‘n ovo
- magna la merda
- non mettemo troppa carne sul foco
tutti tuqui:
http://www.youtube.com/user/gionatarag
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...