Il compito degli uomini di cultura è più che mai oggi quello di seminare dei dubbi, non già di raccogliere certezze, Norberto Bobbio

Pagine

Non-attaccamento

Condividi
Kitano Gempo, abate del tempio Eihei, aveva novantadue anni quando morì nel 1933.

Per tutta la vita si era sforzato di non attaccarsi a nulla.

A vent'anni, quand'era mendicante girovago, incontrò per caso un viandante che fumava tabacco. Mentre scendevano insieme lungo una strada di montagna, si fermarono a riposare sotto un albero. Il viandante gli offrì da fumare e Kitano, che in quel momento aveva una gran fame, accettò volentieri.
«Com'è piacevole fumare!» osservò. E l'altro, prima di separarsi da lui, gli diede un'altra pipa
e del tabacco.
Kitano pensò tra sé: «Queste cose piacevoli rischiano di disturbare la meditazione. Voglio
smettere subito prima che sia troppo tardi». E gettò via l'occorrente per fumare.

Quando aveva ventitré anni studiò l'"I-King", la più profonda dottrina dell'universo. Era
d'inverno, e lui aveva bisogno di vestiti pesanti. Scrisse al suo insegnante, che viveva a cento
miglia di distanza, spiegandogli la sua necessità, e affidò la lettera a un viaggiatore perché la
recapitasse. Passò quasi tutto l'inverno e non arrivarono né la risposta né i vestiti. Allora
Kitano ricorse alla prescienza dell'"I-King", che insegna anche l'arte della divinazione, per
accertare se la sua lettera fosse o no andata smarrita. Appurò che era proprio così. Una
successiva lettera del suo insegnante non faceva alcun accenno ai vestiti.
«Se con l'"I-King" io faccio un lavoro così esatto e determinante, potrei trascurare la mia
meditazione» pensò Kitano. Così abbandonò quell'insegnamento meraviglioso e non ricorse
mai più ai suoi poteri.

Quando aveva ventotto anni studiò calligrafia e poesia cinese. Divenne così bravo in queste
arti che ebbe gli elogi del suo insegnante. Kitano pensò: «Se non smetto adesso, sarò un
poeta, e non un insegnante di Zen». Così non scrisse mai più una sola poesia.

Mai l'occhio dell'avido dirà, così come non lo dicono il mare e l'inferno: mi basta. (Mateo Alemàn)

Affinità fra Alchimia e Cabala

Condividi
“L’Uno diventa Due e il Due diventa Tre, e per mezzo del terzo il quarto ottiene l’Unità; quindi il Due diventa l’Uno.” Maria l’Ebrea

ovvero:
“L’Uno [l’uomo] diventa Due [la donna] e il Due diventa Tre [il figlio], e per mezzo del terzo il quarto [la Pietra filosofale] ottiene l’Unità [l’androginia]; quindi il Due diventa l’Uno [la coppia, attraverso l’amore, realizza la sua duplice natura].”

Uno dei testi di riferimento su Alchimia e Cabala, qui.

Sia cabala che alchimia posso essere definite una mistica del risveglio della dimensione spirituale dell’individuo, ed entrambi esaltano l’amore e la consapevolezza, dove l’agente della trasformazione e unificante è il fuoco dell’amore.
Allo stesso modo, anche la morte rappresenta un passaggio da uno stato ad un altro.

Le direttrici della mistica ebraica si sono sviluppate su due fronti: il primo su un’attenuazione dell’importanza della polarità sessuale, e l’altra dove la polarità sessuale, corporea, dell’anima, sino al mondo divino, è centrale.
L’autore si appoggia alla seconda direttiva, ed è anche la concezione evoliana.
Tale polarità si ricollega anche agli stati mistici dove le poralità maschile e femminile sono equilibrate.
In questo caso si va oltre la dualità della polarità terrena e c'è una trasmutazione dello stato di coscienza, che non è più basato sull'individualità.

> Si intende come Cabala la fede nel credere che sia possibile riuscire ad avere una intuizioni mistica della natura del divino, ed essa si pogga principalmente (ma non solo) sull’interpretazione esoterica dell’Antico Testamento e che si sviluppa anche attraverso l’idea di sephira come canale mediatore per la manifestazione della divinità.

> Per quanto riguarda l’Alchimia, Patai afferma che la “fondatrice” dell’alchimia occidentale fu Maria l’Ebrea, che visse nell’Egitto ellenistico; ma Moshe Idel dimostra anche come l’interesse degli ebrei per l’alchimia risalisse a molto prima, e fosse intrecciato all’osservanza religiosa.
Inoltre, Schwarz afferma che l’alchimia in India risale ai tempi dei Veda.

I quattro fondamentali aspetti che hanno contribuito ad evidenziare le correlazioni fra alchimia e cabala sono i seguenti:

Le sephirot e la costituzione dell'uomo

Condividi
Nessuno osa dire addio alle proprie abitudini.
Più di un suicida si è fermato sulle soglie della morte
pensando al caffè dove andava a giocare tutte le sere
la sua partita a domino.
Honoré de Balzac

L'uomo di stanca del bene, cerca il meglio, trova il male,
e se ne accontenta
per timore del peggio.
Arthur Bloch

L'uomo che pensa può essere tranquillo,
non può essere allegro.
Giambattista Giovio








Gurdjieff - Incontri con uomini straordinari

Condividi
"Se vuoi unire esperienza e fede, ciò ti legherà come una corda e ti impedirà di imparare.
La conoscenza accade direttamente, quando neanche un solo pensiero rimane tra te e la cosa che conosci.
Poi vedrai te stesso come sei, e non come tu vorresti essere."

"Come lasciare che il desiderio della mia mente diventi il desiderio del mio cuore?"
"Non troverai mai la risposta da solo. Da solo, un uomo può fare davvero molto poco.
La sua unica speranza è di trovare un luogo dove il vero sapere è ancora vivo."



Si veda anche Frammenti di un insegnamento sconosciuto

Foto dalla Croazia

Condividi




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...