Il compito degli uomini di cultura è più che mai oggi quello di seminare dei dubbi, non già di raccogliere certezze, Norberto Bobbio

Pagine

Storia Contemporanea per date - Germania 1848-1969

Condividi

1648 = pace di Vestfalia


1784 = gli ASBURGO dichiarano la lingua tedesca lingua della burocrazia
1791 = diritto generale per tutto lo Stato
1797 = forme embrionali di giustizia amministrativa nella Prussia Orientale
1806 = [conefederazione del Reno] Stati del Sud: esperimento di satellizzazione per influenza Francia e Rivoluzione (Baviera, Wuttemberg, Baden, Berg, Nassau, Assia)
1807 = ristrutturazione politica della Prussia
1815 ca = Congresso di Vienna + [49 artt. della Confederazione eterna] di HARDENBERG e VON STEIN
1830-1848 = sviluppo intellettuale e culturale (Bildung)
1830-32 = anni delle piccole rivoluzione (es. Gottingen) che METTERNICH sfruttò per politica repressiva
1834 = WELCKER crea la [“Enciclopedia dello Stato”], grande opera di sintesi
1845 = STHAL scrive il [“Principio monarchico”] = rappresenta il culmine del pensiero conservatore
12 febbraio 1848 = scoppio degli eventi parigini che accelerano dibattito politico in Germania, tanto che METTERNICH deve lasciare a seguito delle sue politiche repressive non accettate (po. pubbl, versante liberale
10 marzo 1848 = una maggioranza di deputati di Francoforte chiamo le ELEZIONI generali =>
18 maggio 1848 = nuovo parlamento = 799 deputati di tutta la confederazione, e quindi anche non tedeschi (trentini, cechi,…) ed erano in sostanza gli uomini della Bildung
à estrazione professionale = PA, giuristi, avvocati, prof. univeristari
à sede parlamento = Chiesa di S. Paolo = spazi per vasta assemblea, pubblico e pulpito per discorsi
à ma la prima prova non fu felice: confusione, verbosità, intrighi di corridoio
à complessa geografia parlamentare = A) conservatori del Caffè Milani (con ala protestante e cattolica) B) centro liberale diviso in 5 frazioni (centrodestra, centrosinistra, frazione Landsberg con forti tendenze anti-polacche, la “sinistra in frac”, gli scissosi del centrosinistra) C) sinistra a) radicale b) moderata
à circa 150 deputati erano valutati “selvaggi” cioè senza partito
à i cattolici non avevano partito ma si collegavano trasversalmente ai gruppi quando si trattava di prendere posizioni su questioni di politica ecclesiastica (RADOWITZ)
à due visioni che spaccavano =
1) grosse-doitch (grande-tedesca) = salvare confederazione tedesca com’era, includendo ASBURGO
2) klein-doitch (piccolo-tedesca) = federazione di realtà omogenee = esclusione dell’Austria-Ungheria, perché impero multinazionale
à il parlamento non trovò né omogeneità politica né unità d’intenti
à allarme dell’opinione pubblica perché accanto alla rivoluzione politica c’erano sommosse sociali
10 maggio 1849 = dimissioni del presidente VON GAGNER, molti deputati abbandonarono l’asssemblea, i governi ritirarono la fiducia
à tentativi di resistenza dalle sinistre abbattuti dagli eserciti dei monarchi
à movimento notevole di persone che sceglievano esilio
à la rivoluzione del 1848 ebbe effetti profondi in Germania = distacco nortevole dal parlamentarismo (anche se è eccessivo parlare delle premesse del fallimento del liberalismo costituzionale =>
1850 = il successo delle reazioni conservatrici fu però solo apparente = quasi ovunque fu mantenuta la vita costituzionele, e la Prussia si è data una Costituzione che mantien in vita il parlamento = sistema a due gradi =
1) elezione dei “grandi elettori” per l’elezione dei deputati della Camera per tuti coloro che pagavano una qualsiasi imposta diretta, suddivisi in 3 classi e con ripartizione dei voti comunale=
à il collegio elettorale comprendeva più comuni
à attribuzione della classe = gettito totale imposte dirette comunali diviso per tre e copertura di un terzo alla volta partendo dal contribuente più alto =>
à in vari casi quindi anche un solo contribuente poteva coprire l’intero 1/3 e ciò era antidemocratico perché ciascun 1/3 (classe) poteva eleggere uno o due soli “grandi elettori” per propria circoscrizione
à ed infatti la prima classe 3-5% votanti, la seconda 11-16%, la terza 80-86%
2) inoltre l’appartenenza alle classi dipendeva dal luogo di residenza =
à si poteva avere Y notevole ed essere nella terza classe se si abitava in città, o Y modesto ed essere nella prima se si abitava in campagna
à c’era poi il caso limite del [voto plurimo] =si poteva votare ovunque si pagassero imposte dirette: sia sede delle attività sia della residenza (es. KRUPP)
a) la stessa forma del voto era fatta per annullare le proteste =votazione in pubblico in assemblea secondo una chiamata per classe =>
b) e questo non invogliava la parteciapzione = Prussia solo 30% vs 75% nazionali
c) queste disparità aumentarono con la riforma del 1893 wquando le imposte nelle grandi città vennero considerate non più per municipalità ma per quartiere
estate 1851 = nomina di BISMARCK come delegato a Francoforte della Prussia = potere solo in Prussia!
1853 = AUGUST VON ROCHAU pubblica i [“Principi Fondamentali”] della Realpolitik = “non sono le idee o i dibattiti a cambiare la storia, ma il potere”
1859 = RE FEDERICO GUGLIELMO IV muore e successione RE GUGLIELMO I, dopo la reggenza
à nuova era del liberalismo conservatore
à marciava di nuovo il progetto klein-doitch =>
= costituzione per i liberali della [DOITCHER NATIONALVEREIN] del liberale VON BENIGGSEN
= costituzione per i cattolici dello [ZENTRUM] con REICHERSPERGER
1860 = GUGLIELMO I voleva una riforma territoriale che abolisse la milizia territoriale, cioè quel corpo di cittadini che aveva le radici nelle guerre di liberazione 1813-15 e che era uno dei cardini del costituz.ismo liberale
à la questione del potere individuata da Rochau era più ardua di quel che si pensava
1861 = il parlamento dominato dai liberali del [PARTITO DEL PROGRESSO – PP] di VON BENNIGSEN, di nuova costituzione, boccia la riforma militare e il bilancio del Re=> poiché il Renon volle piegarsi = [“conflitto costituzionale”], e per risolverlo la corte chiamò l’intransigentismo controrivoluzionario con BISMARCK
à politico moderno = le idee dei circoli reazionari erano buona propaganda; ma non in materia di costruzione dell’azione di governo, dove contavano: tattica parlamentare, manipolazione della stampa, controllo della politica estera, gestione governativa delle elezioni
à la politica si costruisce attorno a dei progettii che coagulano di per sé gli interessi, tanto che gli interessati rinunciano loro stessi al potere politico
1862-66 = il “partito del progresso” di Von Bennigsen si spacca per vai dei [“NAZIONAL-LIBERALI”] di BAUMGARTEN più vicini alla politica nazionale di Bismarck
maggio 1862 = ELEZIONI e liberali con 2/3
30 settembre 1862 = discorso di BISMARCK al Parlamento = discorso di realpolitik = guardare alla potenza della Prussia + risoluzione delle grandi questioni dell’epoca col ferro e col sangue
1863 = LASSALLE fonda la [ASSOCIAZIONE GENERALE DEGLI OPERAI TEDESCHI – DAV, che suscitò grande attenzione per il suo fondatore ma le cui teoriew erano molto approssimative
ottobre 1863 = ELEZIONI = i liberali dopo il discorso di Bismarck non si arresero, ed anzi crebbero oltre 2/3
1864 = la morte di Lassalle indebolisce le alternative socialiste (fatti del 1869 e 1875)
1866 = il conflitto costituzionale non è risolto e BISMARCK enuncia la [“teoria del vuoto”] = “se un conflitto costituzionale impedisce il funzionamento della macchina politico-amministrativa, non si può tollerare l’immobilismo determinato da questo vuoto, tanto che il Repuò avere <>”

à in base a questo Bismarck governò 4 anni senza bilancio e in conflitto con parlamento, lavorando però intensamente ed ottenendo l’unificazione nazionale in un potente Stato, senza l’Austria =>


à inoltre nelle fila del liberalismo iniziavano dubbi così come purismo dell’opinione pubblica

3 luglio 1866 = ELEZIONI = Bismarck spezza il liberalismo = ma non lo fece per liquidare il parlamentarismo, anzi, tese la mano all’opposizione ammettendo di aver agito incostituzionalmente
= a questa data le armate prussiane hanno sbaragliato l’esercito asburgico aprendo al nuovo abbozzo di stato tedesco = [Confederazione tedesca del Nord]
à a) sistema fondato su principio monarchico retto da monarchia militare b) parlamento eletto a suffragio universale maschile, diretto e segreto => assolutismo sposa la pretesa più avanzata della democrazia
à BISMARCK è convinto che il sistema ad elezioni indirette e per classi è molto più pericloso di quello diretto “perché impedisce il contatto tra la massima autorità e gli elementi sani della massa del popolo”
à “in un paese di sentimente leali il suffragio universale elimina l’influenza delle classi borghesi liberali e può portare addirittura ad elezioni monarchiche”
à in questo caso intendeva guardare alla causa dei riluttanti conservatori
à GALL ha rilevato come il “rivoluzionario bianco” non poteva che muoversi con le tecniche della rivoluzione per legittimare la nuova entità, che doveva essere riconosciuta dalla “volontà nazionale”
à anche per questo il diritto elettorale fuu così “garantista” = mirava ad impedire la messa in discussione dell’unità nazionale raggiunta da parte delle potenze esterne e dei principi tedeschi
à BISMARCK non voleva plebisciti come per l’Unità italiana perché 1) rischiosi per la forza dei particolarismi 2) in contrasto col principio maonarchico che non ammetteva derivazione del potere dal popolo
1867 = il centro-sinistra conservatore filo-bismarckiano fonda i [LIBERI-CONSERVATORI – LC] che insieme al DCP(PTC) del 1876 formerà il blocco conservatore classico (Reichspartei a livello imperiale)
1867-1913 = con il sistema elettorale prussiano l’esito elettorale era sempre lo stesso per tanti anni = 1) tedesco-conservatori in maggioranza 2) liberi-conservatori in minoranza 3) le altre forze erano presenti solo se territorialmente concentrate (Zentrum, nazional-liberali, SPD caso più eclatante)
à altri stati, come il Baden, ebbero però contesto costituzionale più favorevole
à e poi, negli altri stati le forze liberali non vennero in genere marginalizzate
7 agosto 1869 = nasce il [PARTITO OPERAIO SOCIALISTA TEDESCO - SDAP] di [BEBEL e LIEBKNECHT] dal Congresso di Eisenach, il cui marxismo era però molto relativo
13 dicembre 1870 = WINDHORS fonda lo [ZEMTRUM – Z] (da 18,6% a 20%)
18 gennaio 1871 = a Versailles dopo Sedean 1870 i principi tedeschi offrono la corona all’IMPERATORE GUGLIELMO I => territorio imperiale di 18 Stati
14 aprile 1871 = il Paralmento eletto a suffragio universale approvò la costituzione dell’impero con soli 7 voti contrari (2 socialdemocratici, 4 dei nazionalisti dell’Hannover, 1 danese)
à poiché ad esso mancava il potere della fiducia al governo, cardine dell’ideologia liberale, si sostenne che il paralmento fosse una sede senza poteri reali
à in realtà il Reichstag era solo una delle componenti della realtà costituzionale
à certo, a contenere il potere del Reichstag vi era il Bundesrat
à BISMARCK aveva immaginato complicatissima costiituzione fatta di pesi e contrappesi che gli consentisse di divenire custode incontrastato della mappa => ma il parlamento si rivelò non facilmente manipolabile, come non lo fu il corpo elettorale [struttura indipendfente]
à i partiti erano in questo contesto molto importanti = sistema pluripartitico molto sviluppato, con raggruppamenti radicati nella società, una propria ideologia generale e visione el mondo (“partito del proggresso” di VON BENNGSEN + nazional-liberali di BAUMGARTEN per i liberali;
1872-73 = i conservatori fondano la [“FRAZIONE NUOVA-CONSERVATRICE”] a filosofia protestante e legittimista Esta Elba
gennaio-settembre 1873 = 1a eccezione cancelliere ¹ primo ministro Prussia (Bismarck)
1873-1880 = Kulturkampf di BISMARCK = mito della lotta di civiltà contro l’oscurantismo cattolico
à si volve a combattere la framnmentazione partitica perché Bismarck nonpoteva governare bene
à voleva manipolare le forze politiche e non dipendere da esse
à sia per 1) kulturkampf che per 2) leggi antisocialiste (1878-1890) non inventò nulla ma cavalcò due moti inventati da altri => l’oscurantismo medievale dei cattolici fu inventato dallo scienziato della sinistra liberale VIRCHOW
à gli esiti pratici dell’operazione furono fallimentari = i cattolici si strinsero nelle loro associazioni, acquisirono identità di gruppo separato, aumeentarono il consenso elettoreale, e divennero i lpunto di riferimento politico delle minoranze (danesi, polacchi, lasaziani,…)
à inoltre se la battaglia piaceva ai liberali suscitava perplessità ai conservatori
1875 = Gotha: lassalliani e isenachiani fondano nel [PARTITO SOCIALISTA OPERAIO TEDESCO - PSOT]
1876 = la frazione nuova-conservatrice si trasforma nel [DOITCH KONSERVATIVE PARTEI – DKP(PTC)], che estende la penetrazione in Sassonia e nei due Mackleburg
1878 = legislazione antisocialista di BISMARCK (fino al 1890) non indebolì il partito ma lo costrinse a dotarsi di una organizzazione ferrea che uscirà nel 1890 col 19,7% [accoppiata kulturkampf-leggi antisocialiste]
à se però si vietava ogni attività politica socialista un’latra legge dell’impero tutelava i parlamentari con l’immunità per le opinioni espresse nell’esercizio delle loro fiunzioni
à poiché la lotta ai cattolici non andava bene ai pericolosi conservatori vicino alla corte e alla Prussia, il nuovo nemico erano i socialisti, accusati di anarchia e sovvertimento dell’ordine sociale
à tuttavia non era abbastanza per disporre di una reale maggioranza => nel periodo morbido della loro applicazione (1881-83) si vide subito un ritorno in forze dell’SPD
1881 = il liberali si candidano alle ELEZIONI spaccati in 3 perché non concordi sulla guida di RICHTER
1882-84 = Bismarck per rilanciare la sua maggioranza lancia le leggi sociali che ristabilissero fiducia nel monarca, ma non ebbero molta fortuna sempre per quel punto debole sempre presente = la costruzione di una base parlamentare al governo
à 4 gennaio 1882 = BISMARCK fa sì che l’imperatore e non il governo fosse il vertice politico dello stato
à 1883 = dispone l’indipendenza delle forze armate (ministro della Guerra) dal governo per assoggettarle all’imperatore
1884 = i liberali si ricompongono dalla scissione del 1881 con il [PARTITO LIBERALE TEDESCO- PLT]
1887 = ELEZIONI = “cartello elettorale” di BISMARCK contro i liberali, accusati di tradimento della patria = Nazional-Liberali (1862-66) di MIQUEL + liberal-conservatori (1867)
à ebbe successo come votanti e seggi ma non come %
à Bismarck rimase in sella solo grazie alle tensioni internazionali e alle capacità come manovriere
à l’imperatore GUGLIELMO I era prossimo alla morte e l’erede IMPERATORE FEDERICO III aveva simpatie liberali (sposò figlia Regina Vittoria) morto di cancro dopo 3 mesi (gennaio-marzo 1888)
= il nuovo capo dei Nazional-Liberali è MIQUEL che fa affondare la sua frazione perché la sposta a destra => i progressisti rimangono con la bandiera del riformismo in mano
marzo 1888 = succede allo sfortunato Federico III IMPERATORE GUGLIELMO II, egocentrico, facile preda di adulatori, fanatico di cose militari, prese sul serio il principio monarchico trasformandolo da un qualcosa di metafisico nel governo assoluto del Kaiser
à Bismarck lo sottovalutò pensanso di poter gestire un giovane senza esperienza
à in realtà lui era inìsofferente dei tatticismi bismarckiani =>
à l’obiettivo del Reera il governo persoanle e poiché Bismarck era sotto l’attacco delal destra conservatrice decise di usare l’arma della adulazione per proprio tornaconto
1889 = duro sciopero minerario = BISMARCK pensa che inasprendo le leggi antisociali riuscisse a dominare sia le forze liberali che conservatrici, invece queste dominaronolui =>
gennaio 1890 = ELEZIONI: sconfitta del cartello, pur in maggioranza, e avanzamento Z-SPD
à BISMARCK non si dà per vinto e apre trattative segrete con WINDHORST e VON HALLENDORF, leader dei conservatori, che però non accettò
20 marzo 1890 = dimissioni Bismarck e CANCELLIERE CAPRIVI
à Bismarck era fuori dal governo ma non dalla scena politica e l’imperatore era incapace di compattare
à Caprivi si pose l’obiettivo ambizioso di avere “relazioni chiare” nei vari settori della politica aprendo un [“nuovo corso”] = A) politica doganale aperta che dispiacque subito a tutti gli agrari b) spese militari pianigficate, che dispiacquero ai liberali C) non si radicò a corte perché i consiglieri imperiali gli erano ostili
1890 = il PSOT di Gotha diventa [PARTITO SOCIALDEMOCRATICO TEDESCO – SPD] (fine della legislazine antisocialista di Bismarck)
1892 = il Congresso del Tivoli a Berlino mette iln luce la sfida del movimento populista conservatore tarmite antisemitismo e Stammpolitisch
à l’entrata in politica delle masse non scalfisce Z e SPD, ma crea problemi ai vecchi partiti d’ordine
à contro i toni populisti e antisemiti, NAUMANN pastore liberale antisemita amico di Weber cercò di organizzare un nuovo parrtito patriottico e socialmente progressita (1896), senza alcun successo
1892-94 = 2a eccezione cancelliere ¹ primo ministro Prussia (Caprivi)
1893 = RIFORMA ELETTORALE in Prussia = i gettiti diretti considerati per votare nelle grandi città non erano più considerati per municipalità, ma per quartieri (aumento disparità)
= la sinistra liberale si spaccherà di nuovo nel [PARTITO LIBERALE POPOLARE – PLP]
1893-98 = nuove leghe con scopi politici (pangermanica e navale) ed economici (agricoltura)
à costante della raccolta del consenso attraverso la politica demagocica
à il benessere e lo sviluppo portavano in scena un ceto medio istruito, ma facilmente incline alla demagogia: mitizzazione dei problemi dei ceti medi e esaltazione dei benefici derivanti dalle colonie
1894 = il nazional-liberale MIQUEL teorizza una politica di unione di tutti i ceti produttivi per poi lanciare l’alleanza stabile nazional-liberali/conservatori (1897)
ottobre 1894 = caprivi abbandona e CANCELLIERE HOHEN-LOHE-SCHILLING-FURSTE, princie bavarese liberal-conservatore
à a Caprivi è stato fatale il conflitto con parlamento prussiano (olltre che agrari, liberali, corte)
1896 = NAUMANN pastore liberale amico di Weber fonda il suoi partito senza alcun successo
1897 = il nazional-liberale MIQUEL lancia l’alleanza stabile con i conservatori
= in quest’anno entrano in scena (cambiamento clima politico) 1) l’ammiraglio VON TIRPITZ alla Marina, progetto della flotta d’alto mare contro UK, 2) VON BULOW agfli Esteri, con la Weltpolitik (politica mondiale)
1898 = l’SPD scoraggiata dal sistema prussiano alle elezioni non presentò neppure candidati (varco solo 1913)
1899 = istituzione del gabinetto navale a corte
1900 = discustato dalle trama dei partiti HOHENLOHE si ritira e CANCELLIERE VON BULOW
à proveniente dal servizio diplomatico era il più giovane cancelliere tedesco (51 anni)
à si sentiva un uomo della corte (rapporti speciali con l’imperatore) e non un uomo di stato
à all’inizio non poteva che proseguire la [Samm-lungs-politik] = cioè appoggiarsi ai partiti identificati con l’ordine, conservatori e nazional-liberali, appoggiandosi allo Z se necessario
à era ovviamente una politica a vista, visto che non sempre dava i ritorni sperati
1902 = fine della conferenza delle frazioni parlamentari del Bundestag che guardava alla elezione presidenti e vice, determinazione o.d.g.
à fu il cancelliere VON BULOW che cercò di fiaccare questa indipendenza, senza peraltro riuscirvi
1903 = ELEZIONI: la legge aveva previsto l’uso della cabina elettorale = segretezza di voto che interessava il partito di massa = Z => in cambio lo Z avrebbe dovuto votare legge sulle ferrovie cara a Bulow ma non lo fece
à questa metteva in luce la pochezza della politica di Von Boluw
à il prestigio dello Z cresceva con l’elezione a deputato di ERZBERGER, nuova anima piccolo borghese e radicale, che emrgfe dopo la morte di LIEBER e il declino di SPAHN
à comunque la politica di larga coalizine di Bulow tuttavia funzionò fino al 1906
= il partito di NAUMANN scompare del tutto, come profetizzato da Weber
1906 = la politica di larga coalizione di BULOW crolla anche per via della sua malattia a cui si aggiunge = A) preoccupazione dell’imeratore per peso SPD-Z B) difficoltà con la Prussia per la politica agraria
à decide di passare all’azione rompendo la grande coalizione e proponeendo un nuovo Cartello tramite elezioni anticipate
dicembre 1906 = ELEZIONI anticipate = giocate come potente mezzo di propaganda contro lo Z accusato di aver criticano la politica africana dell’Impero e conto il socialismo => i risultati non erano un trionfo per la propaganda anticattolica ma funzionò benissimo quella antisocialista
à ce ne’era abbastanza per proclamare la vittoria del governo Bulow
à si riproposse il vecchio Cartello conservatori(due partiti)-nazional-liberali, cui si aggiungevano però i liberali di centor “progressisti” [Blowsblock]
dicembre 1907 = il Blulowsblock già dava i primi segni di crisi = 1) scandali a corte 2) difficile convivenza conservatori-liberali progressisti 3) il Z non stava inerme =>
marzo 1908 = il Z ha votato progetto di legge per la Marina, per dimostare ai conservatori che sul patriottismo dei cattolici si poteva fare affidamento
28 ottobre 1908 = si rilancia ola crisi del sistema costituzional e con l’accus di eccesso di potere all’imkperatore = che aveva detto incaute affermazione sulla politica estera tedesca al quotidiano UK “daily Telegraph”
novembre 1908 = BULOW: progetto di riforma fiscale con aperture sociale finanziate tramite più tasse ai ricchi
à i conservatori sono allibiti e si alleano con lo Z, anch’esso contrario per proprietà fondiaria rurale e ricchezza famigliare =>
à creazione del blocco nero-blu fino al 1912
1909 = dopo la riforma fiscale, Guglielmo II si sbarazzò volentieri di Bulow e CANCELLIERE BETHMANN-HOLLWEG, autentico Junker (conservatore prussiano), ma “filosofo” e non “manganello di polizia”
à provò a governare al di sopra dei partiti con il suolo appoggio esterno (conservatori-NL-Z)
à il quadro fu di moderato riformismo conservatore (es. Cost. autonoma Alsazia-Lorena 1911)
à ma ereditava una posizione non facile = la maggioranza al Reichstag non c’era più =
1) il blocco conservatore era numericamente modesto e l’alleanza con lo Z era oscillante perché lì la sinistra interna era vivace
2) l’alternativa liberale non era efficace per i numeri e si poteva pensare solo a coalizione con SPD
= KAUTSKY, socialista e ideologo ufficiale della vecchia sinistra, pubblica [“La via al potere”]
1910 = nuovo tentativo di riunificazione liberale del Partito Liberale Popolare (PLP) nel [PARTITO PROGRESSISTA POPOLARE – PPP]
1911 = le riforme moderate conservatricei di Bethman-Hollweg si vedono nella promulgazione di una costituzione autonoma per l’Alsazia-Lorena non più considerata con territorio occupato
= il quadro generale rimane agitato per via della ciris marocchina
1912 = sensazionali ELEZIONI = bassissimo astensionismo (84,9% vs 76,1%) e perdita di voti per conservatori-Z, bassi voti dei liberali e superpotenza dell’PSD (110 seggi)
à fine del blocco nero-blu conservatori-Z
à ma l’SPD non sapeva cosa farsene della forza conquistata = quando fu eletto il vice-presidente della Camera, dovette subito dimettersi per non andare a corte ad omaggiare l’imperatore
à neppure l’emergere di giovani liberali con STRESEMANN più disposta al negoziato parlamentare poteva ridare faito alla politica
à se qualche volta il compromesso riusciva, nella maggior parte delle volte falliva
1913 = [caso Zabern] = fa vedere come la situazione fosse in un vicolo cieco: nella piccola cittadina dell’Alsazia un ufficiale inefriore istruiva le reclute invitandole aad usare la violenza contro popolazione civile
à i giornali locali avevano protestato, ma i militari avevano difeso in blocco la spacconata
à il Reichstag pretendeva invece inchiesta esemplare e punizione
à Bethman-Hollweg però rispettò la costituzione vigente che sottraeva l’esercito dal potere politico, tanto che il Reichstag gli votò una mozione di censura =>
à era la messa alla prova di una eventuale parlamentarizzazione del sistema = se è vero che il Canecelliere dipendeva solo dalla fiducia dell’Imperatore, tale mozione rappresentava una volontà di modificazaione sulla scia degli altri Paesi europei =>
à invece il 3 dicembre si vide che Germ restava via peculiare = Imperatore rifiuta di considerare Zabern
à BETHMANN-HOLLWEG tenta di usare sempre la “politica della diagonale” = adattare il governo al contrasto delle forze in campo
à la verità era che non si poteva torner indietro: forte presenza dei partiti =
A) liberali = problema della scarsa tenuta
à nel 1893 si erano spccati nel PLP di Richter, con rigide posizioi dottrinarie e di opposizione, e NL di baumgarten/Miquel, sempre di più piegati ad una politica opportunistica (patti coi conservatori)
à la presenza all’interno dei nazional-liberali (NL) del liberalismo sociale di NAUMANN e WEBER, non riuscì a segnare il partito nel suo complesso (dove invece sorgeva l’imperialismo di Stresemann)
B) conservatori = anch’essi conobbero notevole erosione a livello parlamentare
à risentiva ancor più degli altri del ricatto delle associazioni di interessi agrarie
à il loro dominio era pressochè totale in Prussia con a capo VON HEYDEBRAND, che però non riusciva a tradursi in potenza a livello nazionale ( anche per via dell’osccillazione-Z)
à il loro tentativo del “cartello dei ceti produttivi” 1913 non ne aveva risollevato le sorti
C) cattolici-Z = logorato perché l’ago della bilancia con i conservatori non funzionava
à però anche se non aveva organizzazione vera e propria si basava ancora sulla rete associativa = nei parlamenti degli stati aveva una posizione forte, e la concentrazione regionale ne favoriva la tenuta
à con la’approvazione della legge sulla Marina (1898) aveva portato i nuovi leader LIEBER-HERTLING-GROBER nella’rea di governo => ma questo fatto aveva però accentuato la sua inclinazione al tatticismo parlamentare, mascherato da faorte demagogia
à la nuova classe politica rappresentata da Erzberger avevaconcezione più negoziale
à i nuovi intellettuali come BACHEM parlavano di “dover uscire dalla torre”
à ma la nuova politica pro-cosnservatrice non pagò (v. elezioni 1912) = declino del gruppo filo-conservatore e rpo-governativo SPAHN-HERTLING e definitiva crescita dei nuovi politici ERZBERGER-GROEBER, disponibili all’intesa col governo, ma nel quadro di una politica a tutto campo
D) SPD = controtendenza = a) solida crescita organizzativa b) forte % di giovani c) espansione anche nelle roccaforti cattoliche d) anche se rimaneva partito-“ghetto” (lo stesso Michels aveva dovuto cercare lavoro accademico in Italia)
à ciò portava a rigidità ideologica fin dal programma di Erfut (1891) (nuova SPD dopo leggi antisocialiste)
à sponda retorica revisionista di BERNSTEIN che voleva “fondare una unità tra teroia e realtà rivedendo la vulgata del marxismo”, ma che non fu accetata dal partito
à il revisionismo riaffiorò anche dopo la rivoluzine russa del 1905 con la LUXEMBURG, che lanciò il mito dell’azione diretta delle masse attraverso lo sciopero generale => ala radicale con MEHRING e LIEBKNECHT
à l’ideologo ufficiale della vecchia sinistra KAUTSKY pubblica per questo nel 1909 [“La via al potere”], in cui profetizza un mutamento polirtico senza rottura, cioè senza scontro e violenza, al fine di sostituire il socialismo al capitalismo
à ma a decidere non fu il dibattito teorico ma politico = alla morte di BEBEL (1913) non salì il previsto delfino HAASE del centro-sinistra, ma quello del centro-destra/sindacati/org.ne EBERT
= solo a questa data l’SPD riesce a trovare un varco nel sistema elettorale prussiano
4 agosto 1914 = seduta del reichstag GUGLIELMO II sulla 1GM : “non vedo più partiti, ma solo tedeschi”
à lo “spirito del 1914” aboliva lo setccato storico ed integrava appieno l’PSD
à la guerra ruppe la situazione politica difficile, anche per l’abilità compattante di Bethmann-Hollweg
à è vero che i militari avrebbero voluto stroncare i socialisti =>
à ma il cancelleire manovrò in modo che si desse l’impressione che la Germnia negoziasse la crisi, menter Russia e Francia volessero cogliere l’occasione per stroncare la Germnia
à il patriottismo difensivo dell’SPD + avversione per lo zar (repressione rivoluzione 1905), facevano già inclinare il sostegno ala guerra intesa come difensiva =>
à quando poi MULLER, inviato in missione a Parigi, riporta la notizia che i socialisti francesi avessero votato i crediti di guerra, l’opposizione della sinistra inetrna di HAASE fu battuta
à anche l’opinione pubblica era fortemente imperialista
1915 = ma il nuovo peso dell’SPD si vede anche nel riconoscimento dei sindacati come “associazioni professionali” e non più solo “politiche”, in quest’ultimo caso più perseguibili sul piano poliziesco
dicembre 1915 = 20 deputati SPD votano contro i crediti fra cui HAASE-LIEBKNECHT-OTTO RHULE, mentre MEHRING-LUXEMBURG fondarono un “gruppo internazionalista” (poi Lega di Spartaco)
marzo 1916 = HAASE-KAUTSKY-EISNER fondano Monaco il “gruppo di lavoro” di centro-sn contro crediti
1 maggio 1916 = il “gruppo internazionalista” si trasforma in [LEGA DI SPARTACO – LS]
23-24 settembre 1916 = EBERT tenta di mantenere unita l’SPD con la conferenza di Berlino, dove la maggioranza deiu delegati presenti accettò la sua linea, ma lafrattura politica non era recuperabile
6-8 aprile 1917 = dopo frattura spartachista, ma anche con la sinistra moderata, si forma l’[SPD “indipendente” - USPD] sotto la guida di HAASE-DITTMAN
à questi avvenimentoi conefrmano l’SPD maggioritaria nella sua politica
17 luglio 1917 = le proposte di piena parlamentarizzazione erano naufragate, tuttavia si era dato vita ad un [COMITATO INTERGRUPPI PARLAMENTARI - CIP] presideduto dal liberale di sinistra VON PAYER e comprendente nazional-liberali, liberali progressisti, Z, SPD maggioritaria
luglio 1917 = l’imperatore per una serie di problemi si sbarazza di Bethmann-Hollweg ed il popolo spera in un ritrono di von Bulow, invece CANCELLIERE MICHAELIS, grigio conservatore, che non fu bravo
à è il comitato che si mette a lavorare per il ritorno di von Bulow
à problemi = guerra sottomarina del febbraio + scioperi a Berlino nell’aprile + ammutinamento nella flotta ad agosto
à la detsra nazionalista fece l’ultimo tentativo di organizzazione con il funzionario prussiano KAPP che fondò il [PARTITO DELLA PATRIA – PP] acui aderì von Tirpitz => ma era l’ultima fiammata
26 ottobre 1917 = dimissioni di Michaelis e CANCELLIERE HERTLING, cattolico bavarese, che irrompe con due novità = 1) prima di perndere l’incarico si consulta con i partiti 2) nomina suo vice proprio VON PAYER, mostrandoc he la trasformazione costituzionale avanzava
à infatti il cambio di Michaelis era chiesto proprio dal CIP che si era recata da VON VALENTINI, vertice del gabinetto civile imperiale
à la riforma costituzionale diveniva poi un requisito anxche per la fine della guerra visto che WILSON aveva posto pre-requisito della pace la parametarizzazione della Germania
à ma HERTLING resisteva la cambiamento, così che i partiti ri-iniziarono le manovre per riavere Bulow
30 settembre 1918 = dimissioni di Hertling dopo che Guglielmo II firmò un alegge per la parlamentarizzazione => dalole consultazioni partitiche del CIP uscì per la rpima volta un governo dalla coalizione esplicita che ha CANCELLIERE MAX VON BADEN, un principe3 ma dall’odore liberale
à tutto arrivava però troopo tardi = guerra stagnante e in difficoltà: a) i marinai tedeschi, sottoposti a ferrea disciplina, ammutinavano b) le difficoltà alimentari erano forti
à i generali decisero che bisognava arrendersi
9 novembfe 1981 = abdicazione di GUGLIELMO Iie dimissioni von Baden => nuovo CANCE3LLIERE EBERT”, probabilmente in nome del principio UK dell’”inacrico al laeder di maggioranza”
à situazione che Ebert non era preparato a gestire = a) vuoto di potere ttotale b) eredità di deligittimazine dei partiti in quanto la cultura tedesca aveva imposto fino ad allora che si governasse sopra ai partiti
à ma agì con i ntelligenza = coadiuvato da SCHEIDEMANN del CIP lasciò che l’ondata rivoluzionaria facesse il suo corso, badando ad incanalarla sotto il corso dell’SPD maggioritaria, salvaguardandando l’alleanza del 1917 con liberali progressisti e Z
à 3 compromessi fondamentali = cogestione del mercato del lavoro dietro garanzie di salari/occupazione, cooptazione dell’esercito “separato”, abbandono dell’idea di rinnovamento della Gemania =>
1) 15 novcembre 1918 = intesa capo SPD-presidente imprenditori LEGIEN-STINNES sulla cogestione del mercato del lavor dietro garanzie su salari/occupazione
2) 19 novembre 1918 = intesa cancelliere-capo dell’esercito EBERT-GROENER sulla diepndenza delle’esercito agli ordinidel governo, ma restando un corpo separato
3) 26 febbraio 1919 = abbandono totale dell’idea di rinnovamento della Germania (cioè abolizione autonomie)
novembre 1918 = eventi rivoluzionari e accelerazione della LS dopo l’assassinio di HAASE
à a capo dell’USPD arrivano allora DAUMING-CRISPIEN
20 novembre 1918 = i liberali dei LP, che detengono l’organizzazione del partito, fondano il [PARTTIO DEMOCRATICO TEDESCO – DDP] senza però aprire ai liberali NL di Strasemann
16-19 dicembre 1918 = nascita per la vecchia destra conservatrice del [PARTITO NAZIONAL-POPOLARE TEDESCO – NDVP] alla guida di HEGT, ex ministro prussiano, che riuniva tutti i partiti conservatori (i due PTC e LC, ma anche il PSC di Stoecker, e altri minori)
1 gennaio 1919 = la LS si commuta nel [PCT – KPD] su modello comunista con guida PAUL LEVI
19 gennaio 1919 = ELEZIONI per la costituente
à si forma un governo di coalizione SPD-Z-DDP, secondo una formula che fu enfatizzata come “coalizione di Weimar” con a capo GOPVERNO SCHNEIDEMANN, che cadde subito =>
à infatti tal coalizione SPD-Z-DDP fu ruipresentata solo n altre diue occasioni 1) Wirth del Z (maggio 1921-ottobre 1922) 2) lunga cancelleria di Muller (1928-30)
à allargata eccezionalmente al DVP di Strasemann per i 100 giorni (agosto-novembre 1923)
à origine della democrazia e della repubblica abbastanza occasionale (“democrazia improvvisata”)
à la costituente fu elaborata ricorrendo al dibattito dell’intellighenzia che prese i lnome di “repubblicani della ragione”, che in passato non aveva criticato la monarchia (JELLINEK, WEBER,…)
à il padre della costituzione è il giurista della sinistra liberale PREUSS, che per le sue idee politiche era stato escluso dalle facoltà giuridiche =
1) forma dello stato federale
2) Reichstag = suffragio universale sopra 20 anni + fiducia al Governo
3) cancelliere = responsabile davanti al Reichstag + non più al di sopra dei ministri
4) Reichsrat = 66voti divisi fra Stati in base a territorio (26Prussia, 10Baviera, 7sassonia, 4Wuttemberg)
5) PdR= suffragio universale diretto e carica per 7 anni + comando forze armate + potere di rappresentanza esterna + potere quasi diretto di scioglimento deil Reichstag [ART 25] + potere legislativo di emergenza e per la sicurezza [ART 48]
à la posizione del PdRera molto imporante perché recepiva la tesi weberiana di contenimento della conflittualità polityica per mezzo di un centor decisionale sovrano
à l’ART 48 si trattava molto di più di una norma limite = utilizzata dai PdR250 volte
à venivano democratizzati gli statuti dei lander e soprattutto abolito il sistema di voto prussiano delle 3 classi, che consentì all’SPD di ottenere il governo della Prussia
à Weimar non riservava particolare attenzione ai partiti = erano menzionati una sola volta nell’ART 130 con riferimento ai pubblici funzionari “al servizio dei cittadini e non dei partiti” => ma il fortissimo peso dei partiti (Parteienstaat) derivava dalla proporzionale (liste e ordini di precdenza per voti e previ accordi ufficiali per i resti) (v. SARTORI)
à in realtà però i partiti erano i veri arbitri della situazione =>
à sistema partitico =
A) conservatori = riorganizzazione del dicembre 1918 con HEGT dell’DNVP
B) cattolici = lo Z superava la guerra, dove aveva dato prova di acceso nazionalismo, e lo rilanciavano ora 3 fattori = 1) l’attacco alla chiewsa della sinistra 2) la leadership di Erzberger 3) la foret presenza dei moderati-conservatori, in cui iniziava a farsi luce il sindaco di Colonia ADENAUER
à aveva comujnque sempre problemi in Baviera, dove i cattolci avevano formazione autonoma del [PARTITO POPOLARE BAVARESE – BVP] che però agì sempre abbastanza in coordinazione col Z
C) liberal = come sempre era il partito con i problemi maggiori
à c’era comunque una convinta domanda di adesione al modello politico moderno, soprattutto con gli intellettuali NL (Naumann, Weber, Junk,…)
à il nucleo organizzativo è fornito però dai vecchi LP, famosi per a) coalizione 1917 b) CIP di Payer =>
à spaccatura nel DDP (novembre 1918) dei LP e della DVP di STRASSEMANN [PARTITO POPOLARE TEDESCO – DVP], che andò alla caccia del vecchio elettorato moderato
D) SPD = rimaneva il grande partito di sinistra, ma non era un dominio incontrastato =
à la LS aveva avuto accelerazione con gli eventi rovoluzionari del novembre e assassinio Haase, tramite KPD (gennaio 1919) sotto guida di Levi prima e Thalheimer-Pieck-Radek dopo
à arrivo a capo dell’USPD di Dauming-Crispien => in realtà l’USPD non accetta la supremazia comunsita
à il Congresso di Gorlitz (settembre 1921) dà un nuovo programma per l’SPD = una sorta di riformismo pragmatico in un contesto di vecchia ideologia totalizzante
à siunificazione SDDP-USPD nell’autunno del 1922
E) presenza di gruppi minori, fra cui il [PARTITO NAZIONAL-SOCIALISTA – NSDAP] di Hitler
11 febbraio 1919 = primo PDR EBERT
marzo 1920 = tentativo insurrezionale del generale KAPP del PP a Berlino fallisce
6 giugno 1920 = ELEZIONI = cadurta di Schneidemann = la quota elettorale della coalizione di Weimar scende dal 70% al 45% [Z stabile ma tracollo dell’SPD e della DDP] = GOVERNO FEHRENBACH, governo di minoranza Z con coalizione DDP-DVP e appoggio estreno SPD (iniziando quel meccanismo di mezza partecipazione e mezzo disimpegno che l’avrebbe logorata l’SPD)
à crebbero invece moderati (DVP di sStresemann) e destre (DNVP di Hegt)
à la polarizzazione si fece sentire anche a sinistra con la crescita e prima volta nel gioco della USPD
à ad ogni modo, l’avvio della repubblica fu reso difficle dallo stato di agitazione sociale e conati rivoluzionari, mentre la destra accusava i nuovi capi di ogni nefandezza
à invita coalizione SPD-Z-DDP di aprire a sinistra ma l’USPD rifiuta, nonostante le aperture di Kautsky
à tenta di eplorare invano delle possibili aperture a destra, ma non c’erano i numeri
à restava cos’ ipotesi di un governo minoritario Z in coalizione DDP-DVP
ottobre 1920 = la KPD tenta di perdenere deputati “indipendenti” (USPD) riuscendo solo a metà
1921 = LEVI abbandona KPD e arrivano THALHAIMER-PIECK-RADEK
maggio 1921 = CANCELLIERE WIRTH del Z con 2a grande coalizione SPD-Z-DDP, cattolico di sinistra
à periodo di tensioni sociali e inflazione galoppante
settembre 1921 = Congresso di Gorlitz = nuovo programma SPD = una sorta di riformismo pragmatico in un contesto di vecchia ideologia totalizzante
1922 = agognata riunificazione SPD-USPD
novembre 1922 = era difficile per un paritio di sinistra condividere le responsabilità del governo Wirth, tanto che ci si affido al tecnico GOVERNO CUNO, imprenditori trasporti navali
= anche il tentativo insurrezionale di HITLER a Monaco fallisce
13 agosto 1923 = GOVERNO STRESEMANN del DVP con eccezionale grande coalizione SPD-Z-DDP-DVP => governo dei “100 giorni”, in cui però si avviò il risanamento, anche grazie ia poteri di emrgenza contro i tentativi insurrezionali => certa stabilità
novembre 1923- giugno 1928 = certa stabilità = anche se si susseguirono 6 governi si ebbero solo 2 cancellieri = GOVERNO MARX dello Z e GOVERNO LUTHER indipendente vicino al DVP, mentre il ministro degli esteri rimase per la maggior parte del tempo STRESSEMANN
à il maggior o minore ondeggiamento fu dato dalla presenza o meno della DNVP di Hegt
à ma quello che non si muoveva a livello governativo si muoveva a livello elettorale =>
4 maggio 1924 = ELEZIONI anticipate = ulteriore polarizzazione con la crescita della destra DNVP e soprattutto della destra destrema NSDAP/Doitch-Volkische + crescita KPD che aveva inglobato i voti USPD
7 dicembre 1924 = dopo l’approvazione di un nuovo piano alleato di revisione delle riparazioni tedesche [piano DAWES] l’SPD recupererà a sinistra e si ridimensioneranno i nazisti (3%)
à quello che non si riusciva a far capire all’opinione pubblica era la liturgia delle estenuanti trattative tra i partiti per lka definizione del programma di goverro
à inoltre la figur del PdRnon aveva ben sostituito quella del Kaiser
28 febbraio 1925 = morte improvvisa di Ebert e PDR HINDEBURG
à tutti i partiti misero in lizza il proprio uomo: JARRES DVP, HELLPACH DDP, MARX Z, HELD BVP, BRAUN SPD, TAHLMANN KPD
à il meglio piazzato era il candidato Z MARX
à tutti questi nomi generarono grqan confusione e senza una coalizione non si vinceva => l’SPD bloccato e la destra messa male
à ma alla destra riuscì n vero colpo di scena: al secondo turno si potevano candidare nuovi nomi = il maresciallo Hindeburg era l’eroe della guerra, vincitore di tante battaglie (grande consenso)
à vinse col 48,3% vs 45,3% di Marx (e l’arrocco di Thalmann al 6,4%
à l’ottusità settaria dei comunisti e la vocazione di destra dei bavaresi portarono al vertice un campione dei vecchi tempi
à Hindeburg cercò di essere un corretto PdR, ma si aveva più bisogno di iniziativa e genio politici
1925 = col programma di Hildeberg l’PSD tornava alle tradizioni marxiste, e la presenza di LEVI acecntuava questa tendenza
à concorreva anche la lotta fisica con la destra = formazione paramilitare dell’SPD
à forte concorrenza con i rinnovati comunisti dopo la morte di Fisher quello stesso anno
= morte di FISHER per il KPD e nuovi capi di stretta osservanza moscovita THALMANN-ULBRICHT
1927 = la recessione agraria metteva in crisi le destre e soprattutto la DNVP, che perdeva l’appoggio delle organizzazioni contadine, che fondano un piccolo partito autonomo
= la crisi economica fa anche salire la stella di HITLER, che uscito di prigione nel 1925 si dedica a riorganizzare il suo partito, mirando a soppiantare la leadership di LUDENDORFF
à mette in piedi un partito nuovo che a sede a monaco e non a Berlino
à il partito faceva largo uso della violenza ma in modo organizzato e pianificato
à personale legame di fedeltà capo/capidistretto
à A) accentua la componente “socialista” rappresentata dai fratelli STRASSER e da GOEBBELS cui diede l’incarico di conquistare Berlino raccaforte della sinistra
à B) accentua anche la componente militare rappresentata da ROHM delle SA
20 maggio 1928 = ELEZIONI e GOVERNO MULLER con 3a grande coalizione SPD-Z-DDP = quadro di stabilità anche perché la situazione economica reggeva e la Germania riguadagnava all’estero son STRESEMANN
à l’ala socialista raggiunse il massimo sorico (quasi 30%)
à l’ala comunista crebbe di un punto (10,6%)
à lo Z perdeva 1,5 punti (12,1%)
à DDP e DVP si ridussero ancora
à la NSDAP è stabile
à la vera batosta è del DNVP che entra in una crisi da cui non si sarebbe più ripresa: perde 6 punti (14,2%) che a capo non più WESTARP ma HUGENBERG che la riduce ad un portaborse dei nazisti
à la grosse koalition con a capo l’SPD era perà allargata anche a Stresemann (DVP)
luglio-settembre 1928 = dopo il VI Congresso del Comintern il KPD propone la fantasionsa teroria del “socialfascismo” = tutto ciò che nn era comunista era fascista compresi i socialisti, oggettivi alleati fascisti
27 marzo 1930 = caduta della coalizione e i consiglieri di Hindeburg escogitarono un “governo del presidente” GOVERNO BRUNING, autorevole figura capogruppo parlamentare dello Z che doveva governare con poteri eccezionali che il PdRpoteva passargli
à scelta di scarsa intelligenza politica perché perlomeno avrebbe richiesto un leader carismatico
20 luglio 1930 = colpo di stto nel governo prussiano contro OTTO BRAUN per sostituirlo con un commissario governativo da parte di VON PAPEN, membro di secondo piano dello Z, aristocratico cattolico della Westfalia
à a manovrare contro il governo Bruning fu lo stesso VON PAPEN, con generale VON SCHLEICHER
30 settembre 1930 = per questo ELEZIONI anticipate e nuovo GOVERNO BRUNING (dal 1931)
à spettacolare risultato dei nazisti al 18,3%
à i comunisti guadagnao
à SPD e Z tengono
à i partiti borghesi DDP, DVP, DNVP sono stritolati
à Bruning però non riuscì ad avere ragione su una situazione che si deteriorava
13 marzo 1932 = BRUNING cerca di prolungare il mandato di HINDEBURG in scadenza ma HITLER si atteggia difensore della costituzione contro il prolungamento del mandato => ma PDR HINDEBURG
à Hindeburg era candidato della vecchia coalizione Weimar che però non si considerava candidato della sinistra
à la lotta era Hindeburg/Hitler = al secondo turno vinse conl 53% e Hitler quasi il 37% (Thalmann 10%)
à però sia esercito sia industriali facevano la fronda alla repubblica pensando ad Hitler
31 luglio 1932 = ELEZIONI anticipate e “gabinetto dei baroni” che apre le poret ad Hitler grazie al GOVERNO VON PAPEN anche se non cosnquistato con grandi gratificazioni
à oltre alla valanga nazista ci fu infatti anche l’impennata comunsita
à lo Z recuperava un poco, l’SPD perdeva un poco, scomparuva il centro borghese
6 novembre 1932 = altre ELEZIONI anticipate perchè VON PAPEN non era contento, ma che servirono solo a confondere ulteriormente le acque, anche se la novità fu il GOVERNO SCHLEICHER, ottenuto con trame di palazzo e che fu di breve durata =>
dicembre 1932 = HITLER rompe con ala sinistra del partito guidata da STRASSER, liquidato da direzione pol
30 gennaio 1933 = GOVERNO HITLER
à era agli Interni del governo prussiano Goring = capo di 90mila uomini della polizia di Prussia, subito rinforzati dalel camicie brune
à poi, per governare con i poteri speciali art. 48 prese a pretesto l’incendio appiccato al parlamento per proclamare nuove elezioni e assumere pieni poteri anche negli stati federali =>
5 marzo 1933 = nuove ELEZIONI hitleriane = i nazisti ottennero solo 288 seggi + 52 alleati DNVP (su 633)
à la riforma legale della costituzione di Weimar che richiedeva 2/3 non era possibile
à Hitelr si mosse decisamente per una stabilizzazione legale = poiché l’SPD non era favorevole ad una legge che per 4 anni conferisse tutti i poteri al cancelliere, si rivolse allo Z
à i comunisti earno stati eliminati con violenze di piazza o arrestati come anarchici
à lo Z fu attaccato dall’esterno decidendo di togliergli il carattere di rappresentante ufficilae del cattolicesimo = Hitler concordò direttamente col Vaticano sotto l’importante forma del Tr. Internazionale = si garantivano tutti i diritti di libertà di organizzazione ecclesiastica => tanto che un partito lobbistico come lo Z su base parlamentare si rivelava inutile
à lo Z capitolò votando le leggi eccezionali e con lui tutti gli altri partiti
à HITLER si diede alla “sincornizzazione” =
1) omogeneizzare agli scopi nazionali tutti i corpi pubblici
2) epurare la burocrazia
3) controllare l’esercito
4) abolizione sistema federale e insediamento a capo dei dipartimenti ammi.i di uomini di partito
22-23 giugno 1933 = decreto che bloccava ogni attività all’SPD
à tutti gli altri partiti si sciolsero spontaneamente, considerando che ormai non c’era più nulla da fare
14 luglio 1933 = legge che dichiara unico partito legale tedesco l’NSDAP “portatore dello spirito dello stato”
1 dicembre 1933 = [“Legge sula sicurezza dell’unitò del partito e dello Stato”]
A) statuto speciale per i nazisti sottratti dai tribujnali ordinari
B) sostituto del Fuher(responsabile del partito)/capo dello stato maggiore SA sempre membri del Gov.
C) tra organi di partito e pubbliche autorità deve esserci massima collaborazione
à non vi era comunque una formale subordinazione dello stato al partito né tantomeno una abolizione del regime legale precedente
à 3 elementi fondamentali = popolo, movimento, Stato =
1) popolo = entità mitica, a base raziale, fondata sul principio “sangue e territorio”, da cui il Fuhrer traeva il suo riconoscimento (ricambio solo se il popolo avesse dato segno di sfiducia), tutto ruotava intorno al potere del capo e al suo principi osi autorità (fuhrerprinzip)
2) movimento = significativo che non fosse il partito: Hitler non voleva contropoteri, ilpartito era solo l’élite del ben più importante movimento, ciascun capo cercava di ricavarsi un suo settore di intervento (caso più tipico di HIMMLER e le sue SS: elite nella elite)
3) stato =quello tradizionale, fatto di funzionari, ma sottomesso alla sincronizzazione/nazificazione degli uomini a) unioni personali per le dirigenze politiche b) il sistema era meno applicato nei settori tecnici dell’amministrazione dopo si aspettava l’autoallineamento (caso tipico dell’esercito)
à il potere di Hitler era frutto di una costruzione lunga elaborata prima della presa del potere 1929-32 =
1929 = SS
1930 = penetrazione nelle campoagne con DARRE’
1931 = servizio di sicurezza interno + lega dei commercianti nazisti
1932 = “ufficio per la razza” + gioventù nazista di VON SCHIRACH
à gli altri atti veramente rilevanti risalgono ai primi anni del nazismo => tra questi il blocco delle iscrizioni al partito perché iniziavano quelle di massa e Hitler vi diffidava (blocco del 1933 fino al 1 maggio 1939 = con eccezioni per coirpi speciali (SS ed SA) e giovani (indottrinazione di massa)
1935 = le maglie vengono oallargate
1937 = di fatto, iscrizione di massa = si spiega con il depotenziamento politico del partito cui veniva affidato un vago compito di educazione nazionale
30 giugno 1934 = “notte dei lunghi coltelli” = assassinio dei quadri dirigenti SA e ROHM (ala dei combattenti con velleità d’indipendenza) e VON SCHLEICHER (ala delle’esercito che voleva fare politica)
luglio 1934 = morte di Hindeburg = ora Hitler era anche capo dello Stato, seppu non volesse chimarsi “presidente” bensì estendesse la qualifica di Fuhrer => FRANKEL lo chiamò un “doppio stato”, o, come diceva il gergo prussiano un “caos ben ordinato”
2 agosto 1934 = HITLER si proclama “Fuhrer del Reich e del popolo tedesco”
à la costituzione di Weimar non fu mai abolita ma tutti sapevano che non era più valida
à il vero fatto nuovo fu la creazione di ujno “stato delle SS” = forte isola di potere: a) controllo totalitario su tutta la vita tedesca b) gestione dei campi di concentramento
1937 = l’operato delle SS fu sottratto dalla giurisdizione ordinaria e largo campo di sperimentazione delle teorie di HIMMLER delle SS come nucleo razzialmente puro
à i partiti provarono a darsi un’organizzazione in esilio = A) comunisti in casa URSS B) l’SPD con forte tradizione organizzativa aveva salvato la cassa e si esiliò a Praga C) per tutti gli altri molto più difficle
à presenxza dell’isolamento personale (Wirth, Bruning, Thomas Mann, Adorno,…) = grande peso internazionale a livello culrturale (es. USA della Scuola di Francoforte) ma poco a livello politico
à resistenze passive si ebbero nelle chiese cattoclia e protestante ma solo per ideologia e autonomia
à la resistenza interna vera proveniva solo dai conservatori = capivano che il nazismo significava la distruzione dell’antica cultura tedesca =
A) [“SOCIETA’ DEL MERCOLEDI’”] = gruppo di discussione di funzionari, militari e docenti, come ‘ex ministro GROENER e POPITZ => radicalizzato nel 1939 con i nuovi membri ex ambasciatore VON HASSEL e generale BECK
B) [“CIRCOLO DI KREISAU”] con VON MOLTKE, un aggregato molto ampio di ex politici dei parttiti di Weimar, universitari ecclesiastici
C) giovani studenti
D) militari, capeggaiti da VON STAFFENBERG = non contenti della “guerra senza onore” di Hitler + malressere per le SS che li scavalcxavano e agivano su civili senza condotta onorevole =>
20 luglio 1944 = Von Staffenberg pensò al tirannicidio, ma Hitler scampo alla bomba => poi repressione
30 aprile 1945 = suicidio HITLER/GOEBBLES e prezo della distruzione del paese
1945 = ricostituzione sistema partitico =
A) SPD con SCHUMACHER per la RFT e GROTEWOHL per la DDR, poi questo fagocitato dal KPD
B) il KPD di ULBRICHT-PIECK c’è sempre stato ma si trasformerà in SED dopo l’unione con l’SPD della DDR di Grotewohl
+ piccolo partito KPD nella RFT osteggiato sempre dagli Alleati
C) [UNIONE CRISTIANO DEMOCRATICA – CDU] di ADENAUER dalla “nebulosa renana”, con posizioni che andavano da destra a sinistra, perché la guerra aveva indebolito ple posizioni confessionali del vecchio Z => carattere dichiaratamente interconfessionale anche se a maggioranza cattolica (e minoranza protestante)
+ [UNIONE CRISTIANO SOCIALE – CSU] di MULLER per Stati al Sud, anch’essa interconfessionale
D) [PARTITO LIBERAL-DEMOCRATICO- FPD] di MAIER-HEUSS, che raccoglie ex- DDP-DVP
6 maggio 1945 = SCHUMACHER, ex deputato di Weimar, che aveva parlato di “bestia interiore “ dei nazisti, e sopravvissuto al campo di concetramento nazista di Dachau, rifonda la SPD rifiutando la riunificazione con l’SPD di GROTEWOHL della DDR perché sapeva che sarebbe finita nelle mani comuniste
à Schumacher era vecchio militante anbcora legato al programma di Heidelberg 1925
5 giugno 1945 = [Protocollo Alleato] = divisione in 4 zone d’occupazione secondo confini al 31/12/1937
autunno-dicembre 1945 = formazione della CDU dalla “nebulosa renana” di Adenauer e CSU di Muller
26 aprile 1946 = il vecchio KPD di ULBRICHT-PIECK fagocita l’SPD di Grotewohl e fonda il [PARTITO SOCIALISTA UNIFICATO TEDESCO – SED]
marzo-aprile 1947 = [Conferenza di Mosca] = senza fissare una scadenza, gli Alleati stabiliscono elezioni per uan costituente tralasciando la questione della riunificazione (v. 1947 e 1953)
à problema della dsdenazificazione e della rieducazione democratica
à processo Norimberga, città delle grandi parate, con oltre 5000 condanne (806 a morte di cui 500 fatte)
à gli alleati cercano di reinserire nelle funzioni amministrative personale tedesco, puntando su Resistenti
à ci fu una certa diffidenza sui partiti = solo i russi ne autorizzarono la ricostituzione (10 giugno 1945) perché sperano riunificare Germania sotto loro nome => “responsabilità del nazismo dei capitalisti”
1947 = Alleati tralasciano definitivamente l’idea di una riunificazione sotto la loro influenza
maggio 1947 = bi-zona = unificazione zone USA-UK di Berlino portava ulteriori elementi alla vita politica con HANS ERHARD, presidente di Baviera, e un consiglio della bi-zona con parità di seggi SPD-CDU
maggio-giugno 1947 = gli Alleati consentono la ripresa della vita amministrativa dei partiti
giugno 19848 = tri-zona = si unifica anche la Francia, e il ministro dell’Economia LUWIG ERHARD riesce in una ristrutturazione liberale moderata con una buona riforma finanziaria
24 giugno 1948-12 maggio 1949 = blocco di Berlino sovietico (divisa in 4 settori per ognuna potenza vincitrice, c’era già la trizona), chiarì che ormai si era allo scontro aperto, e iniziò il ponte aereo
1 settembre 1948 = costituente di Bonn = parità di seggi SPD-CDU(e CSU) con ADENAUER alla presidenza e SCHMID alla direzione della commissione principale, quale nuovo leader intellettuale SPD
dicembre 1948 = nscita del piccolo FDP di MAIER-HEUSS (ex-DDP-DVP) in plateale ritardo
8 maggio 1949 = la xostituente finisce i lavori, ma in realtà è un consigli parlamentare = non delibera una costituzione ma una “legge fondamentale”, con clausola ART. 146 = prevdeva la sua cessazione nel giorno in cui il popolo tedesco potesse darsi una costituzione in piena libertà (=riunificazione)
à dopo la riunificazione del 1989 si è però preferito far finta di nulla
à è scritta con un occhio al passato =
a) fortissima affermazione di diritti di libertà sociali e politici
b) struttura di tipo federale
c) sfiducia costruttiva (ART. 67)
d) PdR eletto da assemblea federale (parlamentari + rappresentanti delle camere stati federali)
e) bicameralismo Bundestang (elezione diretta) e Bundesrat (emenazione Stati membri)
à la scelta della capitale cade su Bonn e non sulla storica Francoforte
à la legge elettorale è proporzionale con correttivi maggioritari, anche se la clausola del 5% è del 1953
14 agosto 1949 = prime ELEZIONI politiche con GOVERNO ADENAUER
à il quadro non mutò di molto: quasi parità SPD-CDU(e CSU)
à la sinistra cattolica di ARNOLD avrebbe amato una coalizione vecchio stile, mentre Adenauer scelse una politica di rigido isolamento a sinistra mediante coalizione che univa solo i liberali a costo di una maggioranza risicata
à Adenauer voleva integrazione della Germania andando oltre e talvolta contrastando le tradizioni storiche della “peculiarità tedesca” perché voleva essere il cancelliere degli alleati” => la polemica si inasprì nel 1950 sulla questione del riarmo tedesoc che non era popolare e la CDU ebbe flessioni nelle regionali e ci fu perfino un rigurgito neonazista
à nonostante accusa di politica personalistica, Adenauer comunque guadagnò spazi in opinione pubblica
12 settembre 1949 = PDR HEUSS, liberale, una delle figure storiche della scienza politica liberale
7 ottobre 1949 = indipendenza della zona sovietica in DDR
1953 = l’URSS tralascia definitivamente l’idea di una riunificazione sotto la sua influenza
= OLLEHAUER succede a Schumacher nell’SPD = partito ancora nelle mani dei funzionari +programma di Dottmuth sotto il segno veteromarxista
à ma stava prendendo piede l’ala più giovane per una revisione dottrinaria del socialismo
16 giugno 1953 = ondata repressiva dell’insoddisfazione di Berlino dopo la stalinizzazione della SED
luglio 1953 = RIFORMA ELETTORALE = è introdotto lo sbarramento 5% alla legge elettorale
6 novembre 1953 = ELEZIONI = successo CDU-CSU 45,2% e ancora GOVERNO ADENAUER
à i comunisti non superavano la soglia e restavano fuori dal gioco
à del successo giocarono anche i fattori internazionali = indipendenza DDR (ottobre 1949), agitazioni di Berlino (giugno 1953), fatti di Polonia e Ungheria (1956), KPD bandito (agosto 1956)
1956 = fatti di Polonia e Ungheria =>
17 agosto 1956 = il tribunale costituzionale mette al bando il KPD come contrario a Costituzione
settembre 1957 = ELEZIONI = CDU-CSU crescre ancora (50,2%) anche se SPD in ripresa e ancora GOVERNO ADENAUER
à limiti di Adenauer dovuti all’età, come dimostrato da elezione PdR
à la Cdu rimane fino ad anni ’60 un partito di notabili e gruppi di interesse coalizzati che sfruttavano la spinta dei grandi personaggi: Adenauer prima, Erhard dopo
à l’SPD era stato stimolato invece a rivdere le sue posizioni per non essere isolato = 1) elezione del veterocomunista Ollenhauer (1953) 2) ma anche ala più giovane che voleva revisione dottrinaria del socialismo 3) nuova linea politica della coalizione dell’ora di colazione =>
1957 = “coalizione dell’ora di colazione” per l’SPD = si andava elaborando una nuova linea politica con SCHMID-WEHNER-ERLER, fino ad arrivare al Congresso di Bad Godesberg (novembre 1959)
13 settembre 1959 = PDR LUBKE, all’Agricolturra per Adenauer, dopo la bruciatura della candidatura di Erhard, popolarissimo, perché si candida Adenauer, poi si ritira, non sfonda nemmeno Schmid per l’SPD
novembre 1959 = Congresso di Bad Godesberg dell’SPD = la coalizione dell’ora di colazione Schmid-Wehner-Erler propone l’accantonamento del marxismo in favore di un socialismo solidaristico-liberale =
à A) discorso di WEHNER sulla politica estra in sintonia con le tesi occidentali del 1960
à B) primo voto favorevole dell’SPD al bilancio della Difesa nel 1963
12-13 agosto 1961 = decisione della DDR di isolare Berlino Est col Muro per impedire fughe di massa
à mentre Berlino Ovest aveva lanciato la stella del borgomastro socialdemocratico WILLY BRANDT (contro cui, invano, Adenauer, usò l’arma della diffamazione)
17 settembre 1961 = ELEZIONI = ancora GOVERNO ADENAUER, ma la CDU era in calo e l’SPD in salita (45 vs 36), mentre l’FDP si sentiva schiacciata da Adenauer
1963 = fine dell’era Adenauer; morte di Ollenhauer e presidenza SPD a Brandt
aprile 1963 = la CDU_CSU scelse ERHARD, padre del miracolo economico, come successore di Adenauer = innovazione non indolaore perché era protestante!
à situazione difficile, anche per le avvisaglie di una piccola recessione economica
ottobre 1963 = ELEZIONI e GOVERNO ERHARD
1 luglio 1964 = rielezione PDR LUBKE =altro segnale ambiguo perché notoriamente favorevole a politica di grande coalizione
1965-66 = piccola recessione economica
19 settembre 1965 = ELEZIONI che confermano il trend crescita SPD-calo CDU, ma senza sbloccare nulla e ancora GOVERNO ERHARD con formula della “società integrata” = pretesa di essere un cancelliere al di sopra dei partiti, tale da ridare fiato ad egemonia CDU
à ma decisivo fu lo sppostamento dei liberali che si avvicinano all’SPD =>
8 novembre 1966 = FDP e SPD chiesero a Arhard di porre la fiducia, e lui cerca di evitare lo scontro con la proposta del GOVERNO KIESINGER
à la situazione era resa complessa dalla ripresa del movimento neonazista
à l’SPD era divisa fra chi voleva grande coalizione e chi voleva un governo alternativo coi liberali
à c’era inoltre qualche problema con la persona di Kiesinger, dal passato nazista => tuttavia alla fine anche Brandt si convinse =>
à infatti a BRANDT viene proposto sia il vice-cancellierato sia gli Estri [grarnde coalizione]
marzo 1968 = Congresso di Normiberga SPD = la politica di grande coalizione col nemico storico viene ratificata solo a maggioranza
1967-68 = tensioni che vedono la ribalta di nuove generazioni per scongelamento culturale (studenti!)
28 settembre 1969 = ELEZIONI = CDU resta maggioranza relativa (46), ma FDP (quasi 6) sceglieranno SPD (quasi 43) perché presentavano progettualità per il futuroe GOVERNO BRANDT, “Kennedy tedesco”
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...