Il compito degli uomini di cultura è più che mai oggi quello di seminare dei dubbi, non già di raccogliere certezze, Norberto Bobbio

Pagine

I Grandi Musicisti: Antonio Vivaldi, Giacomo Puccini, Johannes Brahms, Ludwig Van Beethoven

Condividi
Antonio Vivaldi: Largo from “Winter Op. 8 no. 1

The famous piece “the Four Seasons” written by the Italian composer Antonio Vivaldi represents one of the most important pages in the history of music. It is an epitome of the love for beauty and the search for excellence, which have been the basis of Italian culture since the Roman Empire.

Vivaldi’s “The Four seasons” is to music what Mona Lisa is to visual arts: an icon of the extraordinary contribution which Italians have given to the world culture through the centuries. Listening to this music, one is dreamingly transported to “the land where the lemons blossom,” as the great poet Goethe defined Italy.

The reason for the success of this music resides in its harmony (a concept made famous by the Italian Renaissance painters) and also in its meaning. We can say that this is the first “Symphonic Poem” ever written, because the music tries to convey messages and recreate a visual representation in the mind of the listener. Vivaldi carefully composed the music based on written poems about the life in rural Italy in the XVIII century.

For this Winter Largo, the poetic texts and the magnificent music suggest an atmosphere of rest and cold. In a small village men and women are shivering for the cold weather, running from one place to another and making exercise to fight the cold. While a frosty wind whistles through the frozen branches of the trees, a young boy very happily skates on the frozen river.

Giacomo Puccini: Crisantemi
        
Giacomo Puccini himself acknowledged that his true talent lay "only in the theater," and so his non-operatic works are understandably few. But there are more of them than the average concertgoer might imagine. The string quartet was a medium for which Puccini had a certain undeniable affinity, and over the years he composed some five works or groups of pieces for it. All of these string quartet pieces have been virtually forgotten except for the elegy, Crisantemi ("Chrysanthemums"), that Puccini wrote in 1890 -- in a single night, he said -- as a response to the death of the Duke of Savoy.
Crisantemi is a single, dark-hued, continuous movement. Puccini found his two liquid melodic ideas worthy enough to re-use in the last act of his opera, Manon Lescaut, of 1893. Almost never heard in its original string quartet guise, Crisantemi frequented the music stands of the world's orchestras in an arrangement for string orchestra throughout the twentieth century.

Johannes Brahms: String Quartet Op. 51 no. 1 in C minor         
Brahms's music blends both classical and romantic elements, since he resisted the musical innovations of the New German School of Liszt and Wagner. His musical ability was recognized by Schumann, who declared him a genius; after Schumann's death, Brahms maintained a lifelong friendship with his widow, the talented pianist and composer Clara Schumann. 
An excellent pianist, Brahms toured as a performer, notably with his friend, the violin virtuoso Joachim, whose playing he had in mind when composing music for violins and notably the String Quartet in C minor.  The listener can thus appreciate the elegance and the possibility given to the performer, to add personal emphasis to the music played. This quartet echoes at times some ancient harmonies: in fact, being one of the first musicologists, Brahms studied early music, and as a conductor in Vienna introduced audiences to the great works of Bach and Handel, whose influence on this piece of music is undeniable.
However, Brahms’ accomplishment of transforming and varying this thematic material heralded the modernist techniques of the Second Viennese School, and prompted Schoenberg to write his essay "Brahms the Progressive". 

Ludwig Van Beethoven: String Quartet Op. 135 in F major
The Late Beethoven String Quartets, which group includes his last five quartets and the Grand Fugue, are the composer's last completed works. These works are widely considered to be among the greatest compositions ever written in the history of music: their uncompromising intellectual complexity and their apparent rejection of the romantic pathos which pervades Beethoven's middle period both ensure that they remain pieces appreciable by a minority of refined intellectuals and connoisseurs.
The String Quartet No. 16 in F major (Opus 135) was written in 1826, when the composer was completely deaf and was the last substantial work he finished. However, he thought that he could still produce some works, so at the time he stated: " I can only hope I can give to the world some great pieces of music, and then, like an old child, to end my earthly doings amongst decent people. It was premiered by the Schuppanzigh Quartet in March 1828.        The work is on a smaller scale than his other late quartets. Under the introductory slow chords in the last movement Beethoven wrote in the manuscript "Muß es sein?" (Must it be?) to which he responds, with the faster main theme of the movement, "Es muß sein!" (It must be!). The whole movement is headed "Der schwer gefaßte Entschluß" (The Difficult Decision).    Rivers of ink have been wasted in commenting these words, and we can only speculate on what Beethoven had in mind. The tragedy of a musician who cannot hear what he composes is only comparable to that of a painter who becomes blind; nevertheless the art becomes abstract in those conditions, reaching an almost spiritual state, which can be expressed in the only abstract art: mathematics. It has been said that the late works of Beethoven are as beautiful as a perfect mathematical theorem, as a perfect geometrical shape, as the rhythm of the power “which moves the Sun and the other Stars,” as Dante says: the power of Love.

Manuale Idraulico di TaiXi

Condividi
Sabbatino de Ursis, alias Xiong Sanba, venne in Cina nel 1606, a Pechino.
All’inizio del 1610, Xiong Sanba si occupò di ricostruire un’altra chiesa allo stile occidentale che veniva chiamata “Sala di Sud”.

Nel 1611, Xiong Sanba e Xu Guangqi traducessero JianPingYiShuo, Xiong Sanba era molto preparato nelle conoscenze di produrre gli impianti idraulici e quelli astronomici.

Nella primavera del 1612, Xu Guangqi e Xiong Sanba studiarono il Manuale Idraulico di Taixi e finirono la loro ricerca. In base agli appunti che prese durante lo studio, redasse questo libro che comprende 6 volumi.

Nel Volume primo, l’utilizzo delle acque fluviali, Macchina :1
Macchina  della coda di drago ,per prendere l’acqua dai fiumi, serve a riparmiare la forza e prendere più acqua una volta (figure 1, 2 e 3).

Nel Volume secondo, l’utilizzo delle acque sottoterranee e di fonti, Macchina : 2

Macchina di YuHeng (impianto antico astronomico da misurare), per prendere l’acqua dai pozzi e dalle fonti, le zone che sono lontane dai fiumi hanno  tanto bisogno di questa macchina, perché prendono l’acqua dai pozzi o dalle fonti. La macchina è composta da un bilancio e una colonna, il bilancio supporta la colonna, una parte sale, l’altra scende, e l’acqua esce.

Macchina di HengSheng, per prendere l’acqua dai pozzi e dalle fonti, .la sua funzione è simile a quella di YuHeng, questa è più veloce, piu semplice. Serve tanto per irrigare il campo.

Mostra “Espresso Italiano” e Conferenza sulla “ Cultura del caffè”in Italia

Condividi
La prima “bottega del caffè” aprì a Venezia nel 1640, rendendo questa bevanda così popolare in Europa.
Dalle antiche macchine per il caffè alle moderne tecnologie, si vuol tracciare il percorso dell’ “Espresso” come simbolo dello stile di vita italiana in una avvincente mostra, il cui vernissage è previsto per giovedì 25 febbraio 2010 alle 18:30 presso Shanghai Times Square.
Un successivo evento sarà una presentazione della Cultura del caffè da parte del Dott. Maurizio Forte, Direttore dell’Ufficio dell’Istituto del Commercio Estero a Shanghai, il sabato 27 febbraio dalle 14:00 alle 16:00, sempre a Times Square.

Lo "Shanghai Morning Post" in Italia

Condividi
Relazione sulla missione in Italia
della redattrice dello Shanghai Morning Post
Dott.ssa Wang Na

Milano-Venezia-Roma-Catania-Agrigento
3-20 febbraio 2010

Nel quadro di una serie di servizi e interviste sui paesi europei partecipanti all’EXPO di Sciangai del 2010, l’importante quotidiano municipale Shanghai Morning Post [cfr. all. 1] ha deciso di inviare un suo redattore, la d.ssa WANG Na, in Italia, sollecitando il sostegno di questo Istituto Italiano di Cultura.
L’IIC ha svolto un’opera di indirizzo, consigliando una serie di incontri d’ambito culturale, e logistica, provvedendo a stabilire luoghi e date di visite e interviste. Ha inoltre sollecitato il concorso dell’ICE di Shanghai per aggiungere alle visite culturali l’intervista al presidente amb. Umberto Vattani e visite ad aziende artigianali di particolare valore culturale (come le ceramiche di Caltagirone e le tessiture della Bevilacqua di Venezia), su richiesta del quotidiano cinese. Infine, l’addetto culturale, prof. G. Casacchia, ha seguito di persona, profittando di un congedo in Italia, gran parte delle attività.
La missione si può considerare del tutto riuscita. L’impatto del nostro paese sul giornalista cinese è stato altamente positivo e le interviste, in particolare con gli scrittori Andrea Camilleri e Tiziano Scarpa e il filosofo Massimo Cacciari, assai prolungate (ben tre ore con il primo e due con il secondo e il terzo) e pienamente soddisfacenti.
La missione ha prodotto e continuerà a produrre nei prossimi giorni una serie di articoli e servizi sulla cultura italiana, che saranno in seguito raccolti anche in volume e menzioneranno il contributo alla riuscita della visita dell’IIC. Saranno inoltre redatti, anche grazie all’opera di indirizzo svolta dal Commissariato Italiano per l’EXPO e dall’ICE, una serie di articoli sul padiglione italiano all’EXPO.
Auspicabilmente, le interviste e i servizi sulla cultura italiana contribuiranno a rafforzare la presenza italiana sul mercato librario cinese (il romanzo di Tiziano Scarpa vincitore del Premio Strega, “Stabat Mater”, così come il romanzo di Andrea Camilleri “Il cane di terracotta” sono già oggetto di trattaive con la casa editrice di Sciangai Yiwen Chubanshe, specializzata in traduzioni di opere letterarie non cinesi, mentre l’opera filosofica di Massimo Cacciari sarà proposta per la prima volta al pubblico cinese).

(c) Prof. Giorgio Casacchia, Addetto Culturale IIC Shanghai, 15 febbraio 2010.

Programma della visita

Giovedì 4 febbraio 2010
Trasferimento Shanghai-Venezia

Venerdì 5 febbraio
Visita al Dipartimento di Studi Orientali dell’Università di Venezia e incontro con il prof. Alfredo Cadonna
Incontro con il direttore editoriale della Libreria Editrice Cafoscarina di Venezia, dr Stefano Chinellato

Sabato 6 febbraio
Trasferimento a Roma. Incontro con la d.ssa WANG Na, dello “Shanghai Morning Post”, proveniente da Milano

Domenica 7 febbraio
Visita della città. Incontro con il prof. Stefano Benedetti, docente di lingua latina e italiana presso l’Università di Scienze Politiche e Diritto della Cina Orientale di Sciangai

Lunedì 8 febbraio
Incontro della d.ssa Wang con l’arch. Imbrighi. Visita dell’Isiao di Roma e incontro con il direttore della biblioteca dr Francesco D’Arelli
Intervista della d.ssa Wang allo scrittore Andre Camilleri nella casa romana di via Asiago 8

Martedì 9 febbraio
Intervista della d.ssa Wang all’ambasciatore Umberto Vattani, presso il Circolo del Ministero degli Affari Esteri
Trasferimento a Venezia

Mercoledì 10 febbraio
Intervista della d.ssa Wang al sindaco di Venezia, Massimo Cacciari, a Palazzo Ducale
Intervista della d.ssa Wang allo scrittore Tiziano Scarpa, nella casa veneziana di Corte Santa Maria Formosa

Giovedì 11 febbraio
Visita della tessitura storia Bevilacqua a Santa Croce e incontro della d.ssa Wang con il presidente, avv. Rodolfo Bevilacqua.
Incontro della d.ssa Wang con il dr Stefano Chinellato.
Partecipazione alla cena offerta dall’Istituto di Confucio dell’Università di Venezia e incontro con il presidente, prof. Marco Ceresa

Venerdì 12 febbraio
Visita dell’International University of Venice e incontro della d.ssa Wang con il preside, prof.

Sabato 13 febbraio
Partenza della d.ssa Wang per Roma

Domenica 14 febbraio
Partenza della d.ssa Wang per Catania. Incontro con esponenti del locale Lions Club.

Lunedì 15 febbraio
Partecipazione al Carnevale di Acireale

Martedì 16 febbraio
Visita a Piazza Armerina e ai mosaici romani. Incontro con il vicepresidente della Fondazione Intorcetta, dr Giuseppe Pappagallo, e con il sindaco

Mercoledì 17 febbraio
Partecipazione alla Sagra del Mandorlo in Fiore di Agrigento

Giovedì 18 febbraio
Visita alle fabbriche di terrecotte di Caltagirone

Venerdì 19 febbraio
Trasferimento a Londra e rientro a Sciangai

Franco de Courten: “breaking the bars”

Condividi
When the issue of writing a critical comment for Franco de Courten came out, at first I had a moment of bewilderment. I thought: how can I possibly keep a neutral and realistic eye on the artistic production of someone who has been my artistic partner for the “Enchantment” series (www.artincantations.com); whom I sheerly and deeply admire; who honors me with his friendship and affection, being my senior in many aspect?     I will try nonetheless.
Franco’s paintings are the result of a multi-year observation of nature and interaction between man and the natural world. His brilliant diplomatic career brought him in contact with different cultures, different landscapes, different approaches to the way of considering the mission of man in the world during our journey into life. Yet Franco has kept an innocent and constant eye, in spite of these experiences, and his style of painting is unmistakable.

Pittura cinese: Xu Maoping

Condividi
Maestro Xu Maoping in his paintings reveals his own individual, twentieth-century, world-traveler self. His landscapes take on an increasingly abstract form and acquire the distinctive expression that is his own alone. With many years of rigorous discipline in the work and spiritually meaningful composition, Xu has maintained – if anything, brought out more clearly – the aesthetic quality of the best in Chinese tradition and abstract innovation. He does not play on traditional themes (water buffalo, willow trees overhanging a fisherman’s boat, peaches, or insects) with an unschooled and weak brush; he does not plunge headlong into Western abstractions using a wild, ink-based palette on rice paper. He has not simply continued to imitate the manager and style of teachers and teachers’ teachers; he has not exemplified the dead-end effect of a reverence blind for tradition, which can happen upon uncreative minds. Xu, on the contrary, has been able to look boldly toward the future, while also retaining the best of the past.
He places the greatest emphasis upon the basic need of good work. This does not mean refined, graceful, “made-to-look-good” flourishes. It never means prettiness. It is the antitheses of artifice. The aim is always to create an effect as completely natural and accidental as “worm holes in ancient books, bird tracks, or stains on a leaky ceiling.” Strength, weight, and control of the wrist and arm reveal themselves only by inference, never directly. The direct transmission of energy from shoulder to canvas indicates that there is much more than meets the eyes. The patches of colours, light or heavy, large or minute, look even rough, suggesting naturalness, as though unleashed by heaven. This accomplished artist merely hints at his might.
The powerful insight can come only from years of thoughtful looking and, better yet, years of direct experience in the art of painting. This majestic and powerful work is the key not only to the painter’s identity but also to the quality of his oeuvre. And it is precisely here that Xu reveals his true stature.
In composition and spatial handling also Xu derives from the ancient masters, but he never imitates them. He has brought landscape painting into the twentieth century – in full tradition. For he has revived it and imbued it with new virility and freshness. The force and vigor are not so much due to his Western experiences as to the times in which he lives.
In Xu’s compositions and subjects, in the spatial grandeur, one can see the infinite expanse and majesty of the universe. He has achieved the aim of naturalness: everything looks as though unleashed from heaven. Xu has inherited a delight in the dramatic play of light and dark, a lyrical use of colours, while his intellectual approach to technique and his tight, abstract organization derive from the great contemporary masters.




(c) Mr. Paolo Sabbatini, Director Italian Cultural Institute, 2009.


Culture is Lifestyle; Lifestyle is business

Condividi
This year is the bi-millenary anniversary of the death of Maecenas, the Minister of the Roman Emperor Augustus.

He was the first “manager of culture”, so much famous that the word “mecenatism” is now worldwide recognised as a synonym for culture management, sponsorship, communication and publicity through culture.

Italy is therefore the origin of the concept of culture as a business.

A service industry is in itself a culture affair. The concept of service is linked to the concept of need.

One needs to eat and there is food industry.
One needs to be dressed and there is clothing industry.
And so on.

Why Italy is the leader of the world service industry?
Because in 2000 years Italy developed a “leap of quality”, moving from the satisfaction of the basic needs (eating, being dressed and so on) to the concept of “quality of life”, thus inventing and propagating the “Italian lifestyle”.

The quality of life in Italy is currently considered the best in the world due to the “cult of beauty” which Italians have and use in everyday life.

Xu Hui district is at the forefront of Chinese culture in Shanghai and this part of China, and can effect a “leap of quality” following the example of Italy.

400 years after the historical friendship between Xu Guangqi, Li Madou and Xiong Sanba, Xu Hui could develop close cooperation with the Italian Cultural Institute in:

1.    setting models and examples of good lifestyle (to create potential customers);
2.    helping and identifying “lifestyle industries”: gymnasiums, fashion industries, “niche” restaurants, lifestyle clubs;
3.    Introducing quality habits in the behaviour of citizens: dental services, beauty, entertainment, books, children education.

The Ambassador of Italy in China says: Italy and China are the  two “cultural superpowers” of the world.
Hand in hand they can lead the lifestyle of the 3rd Millennium.

(c) Mr. Paolo Sabbatini, Director, Italian Cultural Institute, 2007.

Kounellis a Shanghai

Condividi
"Nato nel 1936 al Pireo, Kounellis si allontana dal suo paese natale ad appena vent'anni per completare a Roma gli studi presso l'Accademia delle Belle Arti. Elegge così l'Italia a sua seconda patria.

Il suo esordio pubblico risale al 1960, con la prima personale presso la galleria romana La Tartaruga. È il periodo in cui la cultura italiana, dopo gli anni del neorealismo e dell'impegno politico antifascista, tenta di recuperare il ritardo causato dal provincialismo culturale che l'aveva caratterizzata tra le due guerre mondiali, aprendo le sue frontiere e aggiornandosi sulle tendenze artistiche più avanzate. L'espressività informale, conosciuta nell'ambiente romano tra il 1956 e il 1957, grazie al soggiorno dell'americano Cy Twombly, suscita notevole scalpore anche negli ambienti più sensibili al linguaggio delle avanguardie storiche e all'astrattismo. Anche Kounellis coglie il valore evocativo di quell'automatismo gestuale, legato alla liberazione degli impulsi interiori, e avverte l'importanza processionale presente nell'opera "aperta", non più legata al valore del prodotto finito, ma al flusso continuo dell'ispirazione; tuttavia, l'orizzonte ideale della poleis e il privilegio accordato alla funzione collettiva dell'arte gli permettono di avvertire immediatamente i limiti intimistici e decadenti, insiti in quella prospettiva.

L'urgenza comunicativa prevale, infatti, fin dalle prime tele di Kounellis, caratterizzate da segni tipografici ingranditi (Alfabeti), dipinti a monocromo scuro e fluttuanti su superfici chiare, in cui il frammento linguistico, ravvicinato e indecifrabile, viene sottoposto ad una struttura logicamente ordinata, (memore delle sintassi costruttivistiche).

Nelle tre mostre tenute a Roma durante il 1967, Kounellis svolge le premesse del proprio linguaggio creativo in sintonia con la comunità artistica dell'Arte Povera, presentata al pubblico da Germano Celant. In queste occasioni espositive l'uso di materiali e oggetti prelevati direttamente dal reale, denota immediatamente una disposizione autoriflessiva e meditata sull'arte: essa non rappresenta, ma è; l'artista, quindi, non imita ma crea:
«Niente è più mitico del fuoco, niente è più mitico e greco della lana: il filo delle Parche, le capre e i pastori, le zampe irsute dei satiri e di Pan». Inoltre, le sue installazioni invadono lo spazio della galleria, per cui lo spettatore non si trova più di fronte ma dentro l'opera, in modo da farlo sentire parte integrante. In particolare nella terza esposizione, tra otto vasche di metallo, riempite di terra e piante grasse, fanno la loro comparsa un acquario e un pappagallo: la natura viva viene contrapposta polemicamente alla natura morta tradizionale, evocata per metonimie e antropizzata dalle presenze "fredde" dei materiali di fattura industriale e dall'ordine geometrico della disposizione.

Parallelamente al succedersi delle opere, si sviluppa e si articola il linguaggio dell'artista, come rinato dalle ceneri del nulla, da un'originaria lallazione, con implicazioni minime, essenziali. Gli uccelli aleggiano lievi su questa res publica della creatività, come messaggeri di libertà. Il fuoco, simbolo di processualità, di trasformazione e di rigenerazione compare nella Margherita di fuoco come un eliotropo "rovesciato", generatore di energia, evanescente nella sua natura ossidrica, contrapposta alla "pesantezza" della bombola a cannella.

Cina: intervista allo scrittore italiano Italo Calvino

Condividi
JOURNALIST :
When was the name Italo Calvino utter ? What was your first impression of it? Your first reaction when someone told you the name Italo Calvino?

INTERVIEWEE :
I was a small child at that time actually.

J: Really?

I: Of course. Because my mother is a very important intellectual in Italy, and she’s very fond of Italo Calvino. So I must have been, maybe 9 or 10 years old, and she was leading one of the Ancestors, you know the trilogy “The ancestors, our four fathers”. The most famous book by Calvino is the trilogy. What’s the translation in Chinese?
I was seeing my mother looking at that book, and I remember that I had seen there was a kind of image on that book of, like you see my grace of arm, it was something like that, meaning it was something related to a noble family in Italy.
So I was asking my mum “what is that kind of book, and why are these men going to the trees?”
And so she explained to me “it’s not the real story, the men did not really go to the trees, but this is the story which was made by a really famous writer named Italo Calvino, and who has written this marvelous story” and she told me the story about him.
So my first impression of the name was, somebody very weird, I had the impression he was a kind of magician or wizard, and Calvino in Italian means “a small bold man”.
A man that has no hair and who’s short.
So that was my first impression of that name while I was a child.

J: That’s very interesting.

I: And my mother was very fond of me at that time because you remember that the mother of the baron, in Italia the name of the mother is Coradina, it’s a name. She was the daughter of a general in the book.

Le opere del Maestro Nicita

Condividi
Quanto più il discorso pittorico è elaborato e profondo, quanto più mette in scena una riflessione sul linguaggio e sulla tradizione che lo costituisce, tanto più le parole trovano difficoltà ad afferrarlo, a costringerlo dentro un vocabolario che inevitabilmente lo tradisce.

Tentare di parlare della pittura di Nicita ci mette difronte a questa difficoltà; ci ricorda, nonostante i limiti valicati dalle avanguardie e dai nuovi media, che ogni arte ha un proprio linguaggio e propri criteri espressivi fra loro irriducibili. E’ il coinvolgimento, la suggestione che la pittura di Nicita esercita sull’osservatore a farci dimenticare questa difficoltà, a invogliarci ad entrare nella sua poetica.

Il colore innanzitutto, il suo rapporto con l’oggetto, con la rappresentazione, la capacità di interpretare il reale attraverso scale e toni, ricostruire infine un oggetto che non ha più nome se non quello che si vede, direttamente e senza mediazioni. Per entrare nel campo poetico di Nicita possiamo scegliere alcune sue pitture che dire più rappresentative sarebbe sbagliato,tanto il concetto di rappresentazione ne costituisce un punto critico.

Il "Big Bang" di Giovanna Giannakoulas

Condividi
La creazione del Mondo è stata oggetto di molte teorie. Ma la creazione in sé è l’atto di una volontà suprema, che trascende le leggi dell’Universo come noi le conosciamo: è l’atto di generare qualcosa dal nulla; la luce dalle tenebre, la vita dalla morte.
La scienza contemporanea, dopo essersi persa in mille dibattiti intricati, si arresta proprio al principio. Ci deve essere Qualcuno prima di ogni altra cosa. L’Uno ha creato il Due, e ha permesso che diventasse Tre, e Quattro, e così via fino all’infinito. L’Uno ha creato i numeri e le dimensioni ha concesso il dono della creazione a pochissime fra le sue creature: i poeti, gli artisti, gli amanti.
Queste tre categorie sono tre differenti manifestazioni della stessa forza d’amore.
L’atto di creare Due da Uno e Tre da Due, è uno specchio di questa facoltà divina. Giovanna Giannakoulas trasforma un piano a due dimensioni in uno spazio a tre dimensioni, e lo fa con la rapidità della creazione, con pochi sapienti tagli delle sue lucenti forbici. Quella che era una superficie grigia, piatta, opaca ora diventa un nuovo universo, contenuto tra le quinte di un piccolo teatro, un simbolo potente del palcoscenico del mondo dove tutti noi, come disse Pirandello, dobbiamo recitare la nostra parte.
Di fronte a me ho in questo momento uno di questi aerei teatri di G.C.. la luce del giorno penetra gli anfratti della carta e suggerisce alla mia immaginazione le montagne più inaccessibili, le più verdi vallate, gli oceani più profondi dove la navicella della mia esistenza dovrà forse lottare con altre tempeste prima di raggiungere le stelle.

(c) Dott. Paolo Sabbatini, Direttore IIC Shanghai.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...